Post

Post in evidenza

Giorgetti: Nessuno va più dal medico di base

Immagine
Nei prossimi anni andranno in pensione 45 mila medici di base ma per il leghista Giancarlo Giorgetti non è un problema. “Chi va più dal medico di base, senza offesa per i professionisti qui presenti. Nel mio piccolo paese vanno a farsi fare la ricetta medica, ma chi ha meno di 50 anni va su Internet e cerca lo specialista. Il mondo in cui ci si fidava del medico è finito“. Questo è quello che ha dichiarato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri al Meeting di Rimini.

UNICEF: 1,9 milioni di bambini via dalle scuole

Immagine
Istruzione sotto attacco in Africa. Più di 1,9 milioni di bambini sono stati costretti a lasciare la scuola in Africa occidentale e centrale a causa dell’aumento degli attacchi e delle minacce di violenza contro l’istruzione in tutta la regione. E’ quello che emerge dal nuovo rapporto UNICEF sull’Africa. Al giugno 2019, sono 9.272 le scuole chiuse in Burkina Faso, Camerun, Ciad, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Mali, Niger e Nigeria a causa dell’insicurezza, il triplo del numero registrato alla fine del 2017.

Record di incendi in Amazzonia

Immagine
La Terra sta morendo. Da 18 giorni la foresta amazzonica sta bruciando e in pochi ne stanno parlando, nonostante sia uno degli ecosistemi più importanti del mondo. In Amazzonia è record di incendi: 72 mila in 7 mesi; 9,500 negli ultimi 7 giorni. L’incremento rispetto allo scorso anno è dell’84%: è il dato più alto dal 2013 quando si cominciò a rilevare il fenomeno. Il fumo degli incendi ha oscurato per oltre un’ora i cieli di San Paolo a 2.700 chilometri di distanza. La città brasiliana è piombata in un’oscurità surreale.

Il viaggio infernale sul treno Siracusa-Roma

Immagine
Le vacanze sono finite. Dopo una settimana di relax sono tornato a Napoli per tornare alla vita di tutti i giorni. Per la verità i giorni erano otto, ma l’ultima giornata è stata infernale. Tutta colpa di Trenitalia. Sono partito da Tropea alla 14.45 di ieri e 48 minuti dopo sono arrivato a Lamezia Terme. Qui è cominciata la giornata infernale. L’Intercity Siracusa-Roma Termini che doveva portarmi a Napoli è arrivato con ben 57 minuti di ritardo.

Bankitalia: Debito pubblico a 2386,2 miliardi. E’ record

Immagine
La Banca d’Italia ha diramato il supplemento al Bollettino di Finanza Pubblica. A giugno 2019 il debito pubblico italiano si è attestato a 2.386,2 miliardi di euro, in aumento di 21,5 miliardi rispetto ai 2.364,7 di maggio 2019. E’ il nuovo record storico. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 22,6 miliardi, quello delle amministrazioni locali si è invece ridotto di 1,1 miliardi. Il debito degli enti di previdenza è rimasto pressochè invariato.

La crisi di governo

Immagine
Un agosto rovente per l’Italia. Non mi riferisco solo alla temperatura, ma alla follia di Matteo Salvini. Il leghista ha deciso di staccare la spina al governo Conte portando il Paese nuovamente nel caos. La crisi di governo e l’incertezza politica hanno pesato sulla Borsa di Milano nella giornata di venerdì 9 agosto: l’indice Ftse Mib ha chiuso a -2,48% e il Ftse All-Share a -2,55%. In totale sono stati bruciati oltre 15 miliardi di euro in una sola giornata. Lo spread fra il Btp e il Bund tedesco è risalito di circa 30 punti in un giorno, terminando la seduta a 241 punti.A Salvini non interessa nulla degli italiani, ma vuole solo massimizzare il consenso con nuove elezioni. Andare a votare in autunno senza modificare la Legge di Bilancio significa aumento dell’IVA nel 2020: l’aliquota ordinaria passerebbe dal 22% al 25,2% e quella ridotta dal 10% passerà al 13%. “Il Sole 24 Ore” ha stimato che l’aumento dell’IVA costerebbe in media 541 euro all’anno per ogni famiglia. Che corrispond…

Sediolini del San Paolo allo stadio Landieri

Immagine
L’8 novembre 2017 c’è stato il taglio del nastrino dello stadio Antonio Landieri a Scampia, intitolato al 25enne ucciso per errore dalla camorra il 6 novembre 2004. 639 giorni dopo, sulle gradinate sono comparsi i primi sediolini rossi smontati dallo stadio San Paolo per far spazio ai nuovi. Una vittoria di Nunzio Marigliano, promotore dell’iniziativa lo scorso marzo.