Post

Post in evidenza

La ragazza che giocava con il fuoco

Immagine
La ragazza che giocava con il fuoco” è un libro di Stieg Larsson e pubblicato da Marsilio. Lo scrittore è nato a Skellefteå nel 1954 ed è morto improvvisamente a Stoccolma nel 2004, quando aveva appena concluso la trilogia poliziesca “Millennium”. Stieg Larsson è stato un giornalista esperto mondiale di movimenti di estrema destra e fondatore della rivista “EXPO”. “La ragazza che giocava con il fuoco” è il secondo libro della trilogia “Millenium” ed è stato pubblicato nel 2006. La saga continua a firma di David Lagercrantz con una seconda trilogia che si concluderà nel 2019.

La fake news dell’importo basso del reddito di cittadinanza

Immagine
L’Inps ha comunicato che sono 806 mila le richieste per nucleo familiare arrivate attraverso i modelli presentati alle Poste, ai CAF e on-line entro il 31 marzo 2019. 472.970 sono le domande accettate e i cittadini possono verificare l’importo del reddito di cittadinanza sul sito dell’Inps¹. La misura di sostegno alle fasce deboli ha subito un duro attacco dalla stampa italiana con una fake news colossale. I gabinettologhi(ops giornalisti) dei maggiori quotidiani hanno scritto articoli su cittadini che hanno usufruito un importo basso.

INL: Irregolarità per 70% delle aziende

Immagine
Nel 2018 sono stati 166.280 i controlli finalizzati alla verifica della regolarità dei rapporti di lavoro in essere. Il risultato complessivamente conseguito in termini numerici è pari a i 144.163 imprese ispezionate, di cui 98.255 sono risultate irregolari. Il tasso di irregolarità è pari al 70%, in crescita rispetto al 2017. Questo è quello che emerge nel Rapporto Annuale dell’Attività di Vigilanza 2018 presentato ieri(18 aprile) dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro(INL).

Inps: +90.103 contratti a tempo indeterminato nel primo bimestre 2019

Immagine
Lavoro a tempo indeterminato con segno più nel primo bimestre del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018. Lo comunica l’Inps nel suo Osservatorio sul precariato. Le assunzioni a tempo indeterminato sono state 264.109, 16.028 in più(+6,5%) rispetto allo stesso periodo del 2018. Nei primi due mesi del 2019 il numero dei rapporti a termine trasformati in contratti a tempo indeterminato registra un notevole incremento rispetto all’analogo periodo del 2018, passando da 90.148 a 164.223 unità(+82,2%), confermando la tendenza già rilevata nel corso degli ultimi mesi.

Il bullo di Inps per la famiglia

Immagine
L’Inps ha comunicato che chi ha ricevuto SMS o mail con accettazione della domanda del reddito di cittadinanza può verificare l’importo sul sito.  Molti utenti hanno preso d’assalto la pagina Facebook Inps per la famigliaper avere spiegazioni sull’importo effettivamente accordato. Uno si è lamentato di aver ricevuto solo 40 euro, ma poi si è scoperto che già percepisce l’assegno di disoccupazione. La somma del reddito di cittadinanza, come è logico, viene calcolata al netto di prestazioni già erogate(Naspi, bonus, sostegni al reddito ecc.ecc.). Non è questo il problema, anche se alcuni esponenti del Partito Democratico già stanno facendo propaganda.

Aumento IVA catastrofico per ceto medio-basso

Immagine
"La legislazione in materia fiscale che prevede clausole di salvaguardia con aumento di IVA e accise, è confermata in attesa di definire nei prossimi mesi misure alternative”. E’ l’allarme lanciato oggi(17 aprile) dal ministro dell’economia, Giovanni Tria. Il disinnesco della clausola di salvaguardia serve per evitare l’aumento dell’IVA agevolata dal 10% al 13% e dell’IVA ordinaria dal 22% al 25,2%.  L’aumento dell’IVA sarebbe catastrofico per il ceto medio-basso.

Inps: 806 mila domande per reddito di cittadinanza

Immagine
Il reddito di cittadinanza è una misura introdotta dal governo Conte per sostenere le famiglie in difficoltà puntando all’inclusione sociale ed al reinserimento lavorativo. La Legge di Bilancio prevede per il 2019 5,6 miliardi di euro di coperture per il reddito di cittadinanza. Ieri(15 aprile) l’Inps ha comunicato che sono 806 mila le richieste per nucleo familiare arrivate attraverso i modelli presentati alle Poste, ai CAF e on-line entro il 31 marzo 2019.