Post

Post in evidenza

Renzi vuole riaprire fabbriche e scuole

Immagine
Nemmeno l’emergenza coronavirus fa diventare saggio Matteo Renzi. L’ex premier vuole riaprire le fabbriche prima di Pasqua e le scuole il 4 maggio 2020. Verrebbe quasi da ridere se non fosse che stiamo vivendo un momento drammatico. Renzi ha fatto questa dichiarazione folle in un’intervista al giornale “Avvenire”. Il leader di Italia morta(ops viva) ha aggiunto: “Perché non possiamo aspettare che tutto passi. Perché se restiamo chiusi la gente morirà di fame. Perché la strada sarà una sola: convivere uno o due anni con il virus”. Purtroppo bisogna convivere anche con le baggianate di Renzi. La dichiarazione dell’ex premier ha fatto infuriare tutti. “Pensare di riaprire le scuole il 4 maggio è una follia e fare proclami in questo momento è sbagliato”. E’ quello che ha dichiarato l’epidemiologo Pierluigi Lopalco. Più meno la stessa cosa l’ha detta anche il virologo Roberto Burioni.

Dal primo aprile 2020 cala prezzo energia e gas

Immagine
Arrivano buone notizie per i consumatori. L’Autorità per l’energia(ARERA) rende noto che dal primo aprile 2020 la bolletta dell’energia elettrica e del gas caleranno rispettivamente del 18,3% e del 13,5%. E’ quanto prevede l’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori nei servizi di tutela. Hanno portato alla riduzione le perduranti basse quotazioni delle materie prime nei mercati all’ingrosso, legate ad una decisa riduzione dei consumi anche a causa dell’emergenza Covid-19, e una sostanziale stabilità nel fabbisogno degli oneri generali.

Torna l’ora legale. Risparmio di circa 100 milioni

Immagine
Nella notte tra il 28 e il 29 marzo 2020 finirà l’ora solare ed entrerà in vigore l’ora legale. Alle 2 del 29 marzo le lancette dell’orologio andranno sposate avanti di un’ora, cioè alle 3. Gli italiani perderanno l’ora di sonno guadagnata  il 27 ottobre 2019, ma avremo un’ora in più di luce. L’ora solare verrà ripristinata nella notte tra il 24 e il 25 ottobre 2020. Il cambio toglierà sonno causando rischi alla salute con conseguenze comportamentali. Lo dicono i ricercatori del “Journal of Applied Psychology”. Tra le preoccupazioni più comuni: la possibilità di incremento degli incidenti stradali, l’aumento di infortuni sul lavoro, il cyber-ozio, ovvero una overdose di navigazione su internet nelle ore di lavoro, oltre a cefalee.

Emergenza coronavirus non unisce UE

Immagine
Si è conclusa con il nulla di fatto la videoconferenza dei capi di Stato e di governo dell’UE dedicata all’emergenza coronavirus. Non è stato trovato un accordo fra i 27 Stati. Sembra incredibile, ma nemmeno questa crisi unisce l’Unione Europea. La discussione si è arenata dopo che Giuseppe Conte e Pedro Sanchez hanno respinto le proposte contenute nella bozza preparata dal presidente UE Charles Michel. Italia e Spagna ritengono insufficiente l’approccio UE per il ricorso a nuovi strumenti finanziari, tra cui i coronabond che Germania e Paesi nordici hanno bocciato. L’emergenza coronavirus dilaga in tutta Europa, ma i tipi in giacca e cravatta di Bruxelles si prendono due settimane di tempo per decidere.

Nuovo modulo di autocertificazione per gli spostamenti

Immagine
Uscire di casa ai tempi del coronavirus è permesso solo se si deve andare al lavoro, a una visita medica o a fare la spesa. E’ arrivato un nuovo modulo di autocertificazione per le necessità di spostamento in relazione alle restrizioni dovute all’emergenza coronavirus. Il nuovo modello cita, com’era naturale, il decreto legge n. 19 del 25 marzo 2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Il nuovo modulo di autocertificazione per gli spostamenti è disponibile online su sito del ministero dell’Interno. Per il cittadino sottoposto a quarantena e positivo al Covid-19 sono fatti salvi gli spostamenti disposti dalle autorità sanitarie. Si deve inoltre dichiarare di essere anche a conoscenza delle ulteriori limitazioni disposte con provvedimenti del presidente della Regione e delle sanzioni previste nell’ultimo decreto. La motivazione dello spostamento va specificata nel modulo di autocertificazione. Fino al 24 marzo 2020 le forze dell’ordine hanno controllato due milioni e mezzo di persone e ril…

Il supercoronavirus di Salvini

Immagine
Finalmente è stato scoperto da dove è uscito il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 che provoca la malattia Covid-19. Il virus che sta terrorizzando tutto il pianeta è stato creato in laboratorio dai cinesi. La sensazionale scoperta è stata fatta da Matteo Salvini, noto come il cazzaro verde. Il leghista ha informato tutti del supercoronavirus con un “post scientifico” su Facebook. “Da TGR Leonardo del 16.11.2015 servizio su un supervirus polmonare coronavirus creato dai cinesi con pipistrelli e topi, pericolosissimo per l’uomo. Dalla Lega interrogazione urgente al presidente del Consiglio e al Ministro degli Esteri”. Questo è quello che ha scritto Salvini ai suoi prolet.

Coronavirus, nel mondo morti salgono a 19.120

Immagine
I casi confermati di contagio da coronavirus nel mondo sono 428.405, con 19.120 decessi e 108.619 guariti. Questo l’ultimo bilancio della Johns Hopkins University. La Cina resta il Paese con più contagi(81.661), ma non è più quello con più vittime(3.163). Il numero di morti con coronavirus in Italia è salito a 6.820, più del doppio di quello registrato nella provincia cinese dell’Hubei, epicentro della pandemia da Covid-19. E anche la Spagna, con i 2.991 decessi annunciati ieri(24 marzo), sembra avviata a superare il numero di morti della provincia cinese. L’Italia è al secondo posto per numero di contagi(69.176).