Post

Post in evidenza

Bankitalia: Debito pubblico a 2.364,7 miliardi

Immagine
La Banca d’Italia ha diramato il supplemento al Bollettino di Finanza Pubblica. A maggio 2019 il debito pubblico italiano si è attestato a 2.364,7 miliardi di euro, in calo di 8,7 miliardi rispetto ai 2.373,4 di aprile 2019. L'andamento riflette la riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro(11,3 miliardi, a 47,2; erano pari a 57,6 miliardi a maggio 2018), solo parzialmente compensata dal fabbisogno delle amministrazioni pubbliche(1,1 miliardi) e dall'effetto complessivo degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione del tasso di cambio(1,6 miliardi).

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Immagine
In Italia si torna a parlare di flat tax, il sistema fiscale proporzionale e non progressivo basato su un’aliquota a percentuale fissa. Il sottosegretario Armando Siri ha svelato finalmente la proposta della Lega. Il progetto è portare l’aliquota al 15% fino a 55 mila euro di reddito familiare con un’unica deduzione fiscale che assorbirà tutte le detrazioni. Sulla carta ci dovrebbe essere benefici per 20 milioni di famiglie e 40 milioni di contribuenti. Una domanda sorge spontanea: quanto si risparmia con la flat tax?

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Immagine
Vodafone ha annunciato l’ennesima rimodulazione per i contratti di rete fissa. A partire dalla prima fattura emessa dopo il 9 settembre 2019, le offerte di rete fissa costeranno 2,99 euro in più al mese. A partire dal 13 luglio 2019, i clienti interessati dalla modifica ne riceveranno la comunicazione in fattura. L’ennesimo rincaro servirebbe a Vodafone per continuare a investire sulla rete per offrire ai clienti sempre la massima qualità dei servizi. E’ la quarta rimodulazione comunicata da Vodafone negli ultimi quattro mesi. C’è da dire che ogni modifica contrattuale non colpisce tutti i clienti.

Respinto ricorsi compagnie telefoniche sui rimborsi

Immagine
Arriva una buona notizia per i consumatori. Il Consiglio di Stato ha respinto i ricorsi delle compagnie telefoniche contro la fatturazione mensile delle bollette, anziché a 28 giorni, stabilita dall’Agcom. La decisione, depositata oggi, era già stata presa in camera di consiglio lo scorso 4 luglio. La bocciatura costringe i gestori telefonici a indennizzare i consumatori per i giorni erosi con la fatturazione a 28 giorni. Facciamo un breve riepilogo di questa vicenda.

OIM: 641.398 migranti in Libia

Immagine
Nel 2019, ad oggi, 3.126 migranti sono arrivati via mare in Italia(meno di 250 a bordo di navi ONG), 1.443 a Malta(un paese con circa 460 mila abitanti). Oltre 3.860 migranti sono stati riportati in Libia e mandati in detenzione arbitraria. 426 sono morti in mare. Il Mediterraneo sempre più pericoloso per le “traversate kamikaze”: nel 2018 è morto in mare un migrante ogni 35. Nel 2017 era uno ogni 50. Questo sono i dati forniti dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni(OIM).

Il giorno del lupo

Immagine
Il giorno del lupo” è un libro di Carlo Lucarelli e pubblicato da Einaudi. Nato a Parma nel 1960, Carlo Lucarelli vive da anni in provincia di Bologna. Il suo esordio letterario avviene con il giallo “Carta bianca” del 1990, il primo di una lunga serie di noir a sfondo poliziesco, genere per il quale è conosciuto anche all’estero. Lucarelli conduce da molti anni trasmissioni televisive sui vari aspetti non risolti dalle inchieste sul crimine. I suoi libri sono tradotti in più lingue e sono oggetto di versioni cinematografiche e TV, tra cui il bestseller “Almost Blue”. “Il giorno del lupo” è stato pubblicato nel 1994 ed è il primo con protagonista l’ispettore Coliandro. Il libro ha avuto una trasposizione televisiva nel 2006, nel primo episodio della serie televisiva “L’ispettore Coliandro”.

La voragine in via Marco Rocco di Torrepadula

Immagine
In via Marco Rocco di Torrepadula è comparsa un buca sull’asfalto lo scorso 8 luglio. Sembrava nulla di pericoloso, ma guardando all’interno si scopre che c’è una voragine grande come un palazzo sotto il manto stradale. La scoperta è stata fatta da Alfredo Di Domenico, noto a tutti come Bukaman. La voragine “nascosta” mette a rischio tutte le persone che fanno quel tratto di strada tutti i giorni.