Post

Post in evidenza

Spesa migranti salirà a 5 miliardi nel 2018

Immagine
Nel 2017 i migranti sbarcati in Italia sono stati 119 mila, ben 62.126 in meno rispetto al record di 181.126 del 2016. Sono i dati dell’agenzia europea Frontex. La diminuzione degli sbarchi non si riflette su una minore spesa pubblica. Nel 2017, infatti, l’Italia ha buttato 4,3 miliardi di euro per la finta accoglienza. Si tratta di 700 milioni in più rispetto al 2016, anno in cui la spesa è stata di 3,6 miliardi di euro.

Ocse: Italia terza per cuneo fiscale

Immagine
L’Italia è al terzo posto nella classifica Ocse relativa al peso delle tasse sui salari, ovvero la differenza tra il costo del lavoro sostenuto dal datore di lavoro e il corrispondente reddito netto che arriva effettivamente nelle tasche del lavoratore. Il cosiddetto cuneo fiscale per un single senza figli è complessivamente al 47,7%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto al 2016. Nel 2017 le tasse sugli stipendi in Italia sono 11,8 punti sopra la media Ocse del 35,9%. Davanti a noi ci sono Belgio(53,7%) e Germania(49,7%). Lo rileva l’Ocse nel rapporto “Taxing Wages” per il 2018.

Migrante arrestato a Napoli per terrorismo

Immagine
I migranti servono per occupare i posti di lavoro rifiutati dagli italiani e per pagare le pensioni. Questo è il ritornello che sentiamo spesso in televisione. L’unica cosa certa è che i migranti hanno fatto aumentare il numero di indigenti nel nostro Paese. Ovunque ti giri trovi una persona di colore che chiede l’elemosina ai passanti. L’accoglienza indiscriminata mette a rischio anche la sicurezza dell’Italia.

L’emergenza rifiuti a Napoli nord

Immagine
Torna l’emergenza rifiuti a Napoli. Anzi no. I cumuli di spazzatura sono presenti solo nella zona nord della città, dove la raccolta non viene fatta da quasi due settimane. Come mai? La linea 1 del termovalorizzatore di Acerra è ferma per manutenzione e questo causa una calo di smaltimento di 700 tonnellate al giorno. A questo si è aggiunto il fatto che gli appalti banditi da Sapna(la società ambientale provinciale) per spedire fuori regione i rifiuti sono andati deserti. La spazzatura continua ad accumularsi nei tritovagliatori(Stir) a causa di questi due problemie il Comune di Napoli ha deciso di “privilegiare” la raccolta della spazzatura nei quartieri della Napoli bene.

Terremoto di magnitudo 4.2 a Acquaviva Collecroce

Immagine
Alle 11.48 c’è stata una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 in provincia di Campobasso, nel Molise. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Acquaviva Collecroce, Palata, Castelmauro, Tavenna e San Felice del Molise. L’ipocentro è stato localizzato a 31 km di profondità. La scossa è stata avvertita anche in Abruzzo, Campania, Puglia e su gran parte del Centro-Sud. Forze di polizia, Vigili del fuoco e Protezione civile stanno facendo verifiche: al momento non vengono segnalati danni. Testimoni a San Giacomo degli Schiavoni sono in lacrime e sono tutti scappati di casa.

Scampia: La protesta degli inquilini delle case gialle

Immagine
Emergenza abitativa a Scampia dopo il piano vendita dell’edilizia pubblica residenziale(Erp) fatto dal Comune di Napoli per ripianare il debito. La dismissione ha portato nelle casse di Palazzo San Giacomo 3,5 milioni di euro derivanti dalla vendita di 81 immobili. Nel quartiere della zona nord è venuto alla ribalta il “caso” della case gialle, gli enormi palazzoni utilizzati anche per il set della serie TV “Gomorra”. Gli inquilini sono scesi in strada per manifestare contro l’intimidazione di sfratto della proprietà. Ma andiamo con ordine.

La rimodulazione di Vodafone ai clienti privati ricaricabile

Immagine
Modifica delle condizioni dei servizi per i clienti privati ricaricabile”. Inizia così la comunicazione inviata da Vodafone ad alcuni clienti di rete mobile. La compagnia telefonica è stata l’unica a ritornare alla fatturazione mensile imposta dalla Legge 172/2017 senza includere l’aumento dell’8,6% all’anno. I clienti pensavano di essere scampati al rincaro, ma la rimodulazione posticipata ha portato tutto alla normalità.

Napoli vince scontro diretto e rivede scudetto

Immagine
Il Napoli vince lo scontro diretto in casa della Juventus e rivede lo scudetto. Il gol decisivo è di Koulibaly al 90esimo sugli sviluppi di un calcio d’angolo. E’ la prima vittoria della squadra partenopea allo Juventus Stadium: nelle precedenti 6 sfide zero punti e solo 2 reti segnate. La squadra di Sarri si porta a -1 dai bianconeri a quattro giornate dalla conclusione del campionato. La prossima giornata sarà decisiva: il Napoli giocherà a Firenze, mentre la Juventus affronterà l’Inter a Milano. I bianconeri hanno l’impegno più duro sulla carta, visto che i nerazzurri sono in piena lotta per un posto Champions.

Stadio Collana, un impianto abbandonato

Immagine
Lo stadio Collana è un impianto sportivo polivalente di Napoli situato sulla collina del Vomero. Dal 1933 al 1959 ha ospitato le gare interne della squadra di calcio della città. In seguito è stato lo stadio del Campania e dell’Internapoli. L’impianto è stato utilizzato anche per le gare di football americano e rugby XV. Lo stadio Collana è chiuso dal 25 gennaio 2016 per una serie di lungaggini burocratiche e di “presunti” lavori di messa in sicurezza. L’impianto del Vomero doveva essere una delle sedi delle Universiadi 2019, ma lo stato di degrado attuale fa pensare che difficilmente lo stadio di Collana possa essere pronto per quell’evento sportivo.

L’estate nera

Immagine
L’estate nera” è un libro di Remo Guerrini e pubblicato da Newton Compton. Remo Guerrini è nato a Genova nel 1948. Lo scrittore è un giornalista autore di numerosi romanzi, racconti gialli, thriller e libri di fantascienza, alcuni dei quali sono stati tradotti in Francia e Germania. Nei primi anni ‘80 è stato, con Andrea Santini, il primo italiano a pubblicare spy-story nella collana Segretissimo. “L’estate nera” è il libro d’esordio di Remo Guerrini ed è stato pubblicato nel 1992. Nel 2013 è uscita l’edizione economica  di Newton Compton. Dal libro è stato realizzato il film “Eppideis”, prossimamente nelle sale italiane con il titolo definitivo “Seven little killers”.