I fannulloni del Parlamento

“Cittadinanzattiva” onlus è un movimento di partecipazione civica che opera in Italia e in Europa per la promozione e la tutela dei diritti dei cittadini e dei consumatori.

L’Osservatorio civico sul Parlamento italiano ha rilasciato un rapporto sulle attività dei parlamentari nel primo anno della XVI legislatura(2008-2009). “Camere Aperte”, così si chiama il rapporto, mette in evidenza una cosa, i parlamentari della PDL sono quelli che hanno ottenuto il grado di efficienza più basso al Camera(solo il 2,01). I “vassalli” di Berlusconi sono andati un po’ meglio al Senato, dove occupano la penultima posizione(0,67).

L’indice di attività(il numero tra le parentesi) per stilare la “classifica”, va da 1 a 10 e si basa su una serie di parametri. Tiene conto di quante volte ogni parlamentare è stato firmatario o cofirmatario di un atto legislativo o ispettivo, quante volte relatore di un progetto di legge, quante volte è intervenuto in aula o in commissione, quante volte presente alle votazioni.

Dopo aver menzionato i peggiori, è giusto parlare anche dei migliori secondo questa particolare “classifica”. I più attivi alla Camera e al Senato sono i deputati dell’Italia Dei Valori con il 3,57 e 4,9. Alla Camera la “stakonivista” è la deputata della circoscrizione Calabria Angela Napoli del PDL(un po’ in contraddizione con la classifica per gruppi) che ha ottenuto un bel 10. Al Senato primeggia un’altra donna, questa volta del PD. Anche Donatella Poretti della circoscrizione Puglia ha ottenuto un bel 10. I meno attivi in assoluto sono alla Camera Denis Verdini del PDL della circoscrizione Toscana con il 0,09, mentre al Senato la “maglia nera” è l’ex presidente del Senato Marcello Pera, anche lui della PDL, con 0,19. Pera è stato eletto nel Lazio.

Come potete intuire, gli uomini da questo indice di attività escono sconfitti. Infatti, nel confronto Uomini contro Donne, il gentil sesso primeggia alla grande. Alla Camera le donne hanno un indice di attività del 2,74(presenze al 82%), mentre gli uomini si fermano al 2,23(presenze al 80%). Al Senato le donne ottengono un bel 3,0(presenze al 85%), mentre gli uomini si fermano a 2,0(presenze al 82%).

Credits: Cittadinanzattiva.

Commenti

  1. Hai capito "Mr. perfettino"??un sacco di scheletri nell'armadino il piccino, lo psiconanino numerino 2ino.Che si vergogni persecutore degli stipendi a reddito fisso!
    smaccki maestro

    RispondiElimina
  2. Questo tizio è la vergogna fatta persona. Oltre ad essere permaloso, soffre del complesso di inferiorità. Poveri noi. Kiss collaboratrice.

    RispondiElimina
  3. E' semplicemente patetico, altro che Lorella Cuccarini

    RispondiElimina
  4. Lorella Cuccarini farebbe bene a querelare il Brunetta...

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bollo auto abolito con lo spread?

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il cantiere di piazza Garibaldi

Perché si usa Facebook?

A settembre emergenza rifiuti in Campania