Il bordello legalizzato

Nei giorni scorsi è scoppiato lo scandalo delle ragazze a pagamento di “casa Berlusconi”. Nei TG nazionali la notizia non è stata diffusa, anzi si sta facendo di tutto per insabbiare questo ennesimo scandalo che vede coinvolto il presidente del Consiglio.

Nell'inchiesta sull'induzione alla prostituzione della procura di Bari non ci sarebbe soltanto il “pucchiacca party” del 4 novembre 2008. Il pm, Giuseppe Scelsi, sta indagando su altri 4 “incontri” sospetti. Le ragazze coinvolte in questo giro di “prostituzione legalizzata” sarebbero almeno 30. Secondo gli inquirenti, il reclutamento avveniva a Milano, Padova, Bologna, Lecce e Barletta. Le donne ingaggiate da Tarantini avevano accesso incontrollato nei saloni di Palazzo Grazioli.

Nei giorni scorsi, l’avvocato(nonché deputato) “mavalà” Ghedini, per giustificare il suo assistito Silvio Berlusconi, ha dichiarato che il premier era solo l’utilizzatore finale delle donne. In pratica ha fatto intendere che chi va a prostitute se fa pagare la “prestazione” ad un suo amico non corre nessun rischio legale…

Tutta questa vicenda mette in risalto ancora una volta una cosa. Silvio Berlusconi non è la persona più adatta per condurre il nostro paese verso la ripresa.

Credits: La Repubblica, Corriere Della Sera.

Commenti

  1. Lui è adatto per portarci alla scata(fascio) e ci sta riuscendo benissimo...;-OO smaccki, S.

    RispondiElimina
  2. Ahahaha. Il nostro premier è proprio lo "scatafascio" fatto persona... :) Kiss.

    RispondiElimina
  3. Marco Travaglio commentando la vicenda,tra le altre cose,faceva notare pure un particolare:durante un V-Day i comici Beppe Grillo e ancor più chiaramente Sabina Guzzanti fecero circostanziate descrizioni del premier come puttaniere ed erotomane in preda ai fumi della cocaina e di conseguenti abbondanti dosi di viagra.Immediatamente i partiti presero le distanze da queste affermazioni tacciando i due di calunnia.Oggi,a prescindere da come si concluderà l'ichiesta di Bari,bisogna riconoscere che invece Grillo e Guzzanti avevano ragione,quelli che potevano essere presi come semplici sospetti coperti dal segreto più abietto,potrebbero rivelarsi come le rivelazioni più aberranti di cui si possa macchiare un uomo di stato.L'assist però a questo punto è servito...avremmo tutti il diritto di pensare che anche le accuse di pompini in cambio di seggi in parlamento siano findate sebbene coperte dal segreto sulle roventi trascrizioni delle telefonate in custodia al tribunale romano.Per gli altri reati del premier invece non dobbiamo ricorrere a dogmi:bastano le sentenze,le prescrizioni,le leggi ad personam,le parole dei suoi portavoce e le sue continue bugie a tglierci ogni dubbio.Saluti.

    RispondiElimina
  4. Le accuse sono sensate, altrimenti quelli della PDL non avrebbero fatto tutto quel casino per far vietare quelle intercettazioni telefoniche... Ci sono ancora persone che pensano a Berlusconi come un martire perseguitato dai giudici comunisti. La verità l'hai scritta tu. Berlusconi non è al "fresco" solo perchè è stato "prescritto" più volte.

    RispondiElimina
  5. allora..........
    tutti quelli che fanno politica in tv fanno schifo
    tutti i politici fanno schifo
    nn sanno organizzare l'italia
    cioa

    RispondiElimina
  6. Pensano solo ai propri affari e a quelli degli "amici degli amici"...

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bollo auto abolito con lo spread?

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il cantiere di piazza Garibaldi

Perché si usa Facebook?

A settembre emergenza rifiuti in Campania