I poliziotti assassini girano per la città

Il 6 luglio scorso, il tribunale di Ferrara ha condannato in primo grado i 4 agenti di polizia che massacrarono e uccisero a manganellate il povero Federico Aldrovandi.

Per chi non lo sapesse, Federico Aldrovandi fu ferocemente ucciso la notte del 25 settembre del 2005 a seguito di una colluttazione imprudente. Il povero ragazzo si beccò un numero imprecisabili di manganellate in testa, sulle braccia, sulle gambe e sulla schiena. Non bastasse ciò, i 4 poliziotti decisero anche di trascinare il corpo sull'asfalto. La perizia medico legale evidenziò ecchimosi ed ematomi sparsi su tutto il corpo, fra cui una lesione alla testa in sede occipitale, testicoli schiacciati, una profonda ferita su una natica e graffi sul viso.

Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani e Luca Pollastri sono stati condannati a 3 anni e 6 mesi per eccesso colposo in omicidio colposo. Nonostante la condanna, i 4 poliziotti continuano a svolgere il loro “lavoro”, perchè non sono stati espulsi dalla Polizia. Vi domando, vi sentite sicuri con 4 poliziotti assassini in giro per le strade? La vita di un ragazzo vale molto di più di 3 anni 6 mesi. Se poi consideriamo il modo barbaro con cui questi poliziotti presero a manganellate il povero Federico, ci accorgiamo che questa sentenza è semplicemente scandalosa.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio

Italia Viva è copyright De Luca