In Italia scarseggiano infermieri e tecnici

In Italia, nonostante le frottole dette dai politicanti, la crisi non è ancora superata. Nel mercato del lavoro dell’industria e dei servizi sono previsti “tagli” per circa 213 mila unità.

Per chi è in cerca di un lavoro ci sono molte opportunità nelle professioni legale alla salute. Infermieri, fisioterapisti e farmacisti sono introvabili e quindi molto ricercati. Stesso discorso anche per parrucchieri, installatori d’allarmi e pavimentatori. E’ questo quello che emerge dai dati del Sistema informativo Excelsior, realizzato in collaborazione da Unioncamere e Ministero del Lavoro.

Andando a scorrere i dati, emerge che in Italia nel 2009 al primo posto nell’alta specializzazione ci sono gli infermieri con ben 4480 posti previsti con una difficoltà di reperimento pari al 59,9%. Nella bassa specializzazione i più ricercati sono gli installatori di allarmi con 1060 posti previsti e una difficoltà di reperimento pari al 86,7. A sorpresa la regione in cui è più difficile reperire installatori di allarme, parrucchieri e aiuto parrucchieri è la Campania, mentre in Lombardia scarseggiano gli infermieri.

Una cosa va detta su questi dati. In molti casi la scarsa reperibilità dei lavoratori è dovuta anche agli stipendi molto bassi non adeguati alle molte ore di lavoro giornaliere previste. Prendiamo il caso del programmatore informatico(all’ottavo posto con 1850 posti previsti e con una reperibilità del 36,7%). Molte aziende ricercano persone che sappiano tutto e che accettino un contratto a progetto. In molti casi questo tipo di contratto prevede una giornata lavorativa molto lunga(anche 12 ore al giorno e delle volte si lavora anche il sabato, la domenica e alcuni prefestivi) con uno stipendio mensile che a stento arriva ai mille euro. E’ logico che molte aziende trovino difficoltà a reperire lavoratori…

Commenti

  1. non pensi che uno stipendio basso dipenda anche dalle scarse responsabilità che un programmatore assume rispetto magari un infermiere....
    un inferiemere ad esempio è prima di tutto un laureato,che ha studiato,che obbligatoriamente deve frequentare corsi di aggiornamento che è sottoposto a a specifici obblighi di assitenza e cura del malato...sotto postoal rischio di infezioni e malattie ..aggiungi la responsabilità penale nel caso per errore somministri un farmaco sbagliato, o un dosaggio non corretto... un infermeiere lavora la notte, il sabato o la domenica oppure a natale...pasqua e il 31 dicembrea quando magari sono tutti a far festa... mille euro è uno stipendio inlinea con la categoria impiegatizia e non mi sembra poco....

    RispondiElimina
  2. Mica ho scritto che un infermiere è un lavativo... Guarda che molti programmatori sono laureati e anche loro sono costretti a fare dei corsi di aggiornamento. Se ho parlato dei programmatori è perchè conosco quel settore, altrimenti mi sarei messo a parlare del lavoro da infermiere... Saluti.

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio

Italia Viva è copyright De Luca