Pericolo febbre suina?

Da alcuni giorni su tutti i media si parla dell’allarme pandemia della febbre suina. Molti lettori sono impauriti e pensano che questa febbre possa provocare una strage come la spagnola del 1918.

In quasi tutto il mondo i politicanti stanno mettendo a punto un piano di vaccinazione per salvaguardare le persone a rischio(anziani malati e adolescenti). In Italia, tra personale sanitario, soggetti già debilitati e giovani tra i 2 e 27 anni(più suscettibili al virus) saranno circa 24 milioni quelli che si vaccineranno. Ma chi produrrà il vaccino?

La società incarica di produrre il vaccino è la Big Pharma che guadagnerà da questo “isterismo generale” circa 10 miliardi di dollari. Non c’è che dire, l’allarmismo da pandemia è il miglior modo per fare business. La J.P. Morgan, una della maggiori banche di investimento, ha calcolato che i governi dei vari paesi abbiano già prenotato almeno 600 milioni di dosi. Ma questa influenza A è pericolosa?

Al momento, nella maggioranza dei casi l’influenza non si è dimostrata pericolosa. Lo potrebbe diventare se questo nuovo virus si incrocia con altri virus, mutare e dare origine a malattie più severe e mortali. In Italia sono stati segnalati 320 casi(nessuno mortale), mentre in Europa in totale fino ad oggi sono stati segnalati 17 mila casi. La Gran Bretagna, è il paese più colpito da questa influenza, con 10 mila casi. Se siete intenzionati ad andare in vacanza in quel posto, consiglio vivamente di pensare ad altre mete.

Intanto sul web, iniziano a diffondersi sospetti sull’origine di questa nuova influenza. Infatti, sembra che questo virus sia stato creato in laboratorio e diffuso come sedativo alla crisi economica. Chi vivrà vedrà…

Credits: La Repubblica, Maxso’s Blog, Come Don Chisciotte.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio

Italia Viva è copyright De Luca