Sta per entrare in vigore il far west telefonico

image Nei giorni scorsi su tutti i media si è parlato dell’approvazione con voto di fiducia alla Camera del decreto Ronchi.

L’attenzione dei media si è focalizzata solo sull’articolo 15 di questo decreto che prevede la liberalizzazione dei servizi pubblici locali, compresa l’acqua. Ad esclusione di “Punto Informatico”, nessuno ha menzionato che con il decreto Ronchi la privacy degli utenti va a farsi fottere per favorire gli interessi dell’industria del telemarketing.

Il decreto Ronchi prevede la creazione di un registro nazionale in cui sono inseriti i numeri telefonici della gente. Negli Stati Uniti questo registro è attualmente, gestito congiuntamente da due giganti della pubblica amministrazione quali la Federal Trade Commission e la Federal Communication Commission alle quali costa, ogni anno, milioni di dollari. A chi verrà affidato questo registro in Italia?

Il testo di legge non chiarisce chi si occuperà del registro. Potrebbe capitare che per l’alto costo il registro venga affidato ad un privato. Tradotto, significa che una grande società di telemarketing potrebbe gestire il registro. Questo significa che tra qualche mese ad ogni ora del giorno potremmo ricevere delle chiamate dai call center. In pratica, sta per iniziare il far west telefonico…

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia

Salvini prosegue linea Renzi sui termovalorizzatori

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo