Guida al voto in Campania

Scheda Elettorale Regionali 2010 Campania con preferenza provincia Napoli Il 28 e 29 marzo in molte regioni italiane ci saranno le elezioni per eleggere il presidente della Giunta regionale ed i membri del Consiglio regionale.

In Campania si potrà scegliere tra una “rosa” di 4 candidati. Le due maggiori coalizioni hanno candidato Stefano Caldoro(PDL) e Vincenzo De Luca(PD). Per l’ambita “poltrona” sono in corsa anche Paolo Ferrero(Rifondazione Comunista) e Roberto Fico(Movimento 5 Stelle).

Per esercitare il diritto al voto(tanto caro a Berlusconi), gli elettori dovranno presentarsi al seggio di riferimento muniti di un documento di riconoscimento valido e della scheda elettorale. Gli elettori, oltre a dare una preferenza al candidato presidente, possono votare uno o due consiglieri.

Per le pari opportunità, la Giunta Bassolino ha introdotto in queste elezioni la regola che, nel caso ci siano due preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

Alla fine del “kermesse” elettorale vengono eletti 60 consiglieri con criterio proporzionale, sulla base delle liste circoscrizionali provinciali con applicazione di un premio di maggioranza legato al presidente eletto. I consiglieri sono così ripartiti nelle 5 province campane:

- Napoli (32)
- Salerno (11)
- Caserta (9)
- Avellino (5)
- Benevento (3)

Ciascun elettore può votare il candidato presidente tracciando un segno sul relativo rettangolo. In questo caso il voto non andrà alle liste collegate. Nel caso in cui l’elettore tracci un unico segno sulla scheda a favore di una lista, il voto s’intende espresso anche a favore del candidato presidente a essa collegato. Si può votare anche un candidato presidente e una lista non collegata(voto disgiunto).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

Istat: Economia sommersa vale 192 miliardi

Il lago di munnezza a Scampia

L’ex Villa Russo è diventata una discarica

27 famiglie abbandonate dal Comune di Napoli

Scampia sommersa dai rifiuti