In Gran Bretagna torna la sifilide

Sesso pericoloso su Facebook? La sifilide è una malattia provocata da un batterio chiamato “Treponema pallidum” che si diffonde in tutto il corpo.  Nella maggior parte dei casi il contagio avviene sessualmente con tutti i tipi di rapporti.

La sifilide è diffusa in tutto il mondo, ogni anno si contano 12 milioni di nuovi casi. Se una persona non si cura con antibiotici, la malattia può causare gravi problemi al cuore, alle vie respiratorie e danni al sistema nervoso centrale.

Negli ultimi mesi in Gran Bretagna sono aumentati i casi di sifilide. Nel 2009 si sarebbero verificati circa 4.000 casi. Il professor Peter Kelly, direttore della sanità pubblica nella regione di Teeside, nel nord-est dell'Inghilterra, afferma che il “responsabile” sarebbe Facebook. Kelly ha constatato che nelle regioni in cui si è diffuso il social network sono quadruplicati i casi di sifilide. Il motivo è semplice. Facebook ha dato alla gente un nuovo modo di incontrare più partner per incontri sessuali occasionali.

Il professor Kelly ha dichiarato “C'è stato un aumento di quattro volte nel numero di casi di sifilide rilevati e a essere colpite sono state soprattutto le donne dai 20 ai 24 anni e gli uomini dai 25 ai 30. Non ho i nomi delle persone colpite, solo le cifre, ma ho visto che molte delle persone affette dal batterio hanno incontrato i loro partner attraverso i siti di social network. La sifilide è una malattia devastante e le piattaforme sociali come Facebook stanno rendendo più facile alle persone trovare partner occasionali con cui fare sesso".

Sinceramente trovo fuori luogo questo ennesimo attacco a Facebook. Invece di allarmare la gente con falsi problemi, il professore dovrebbe consigliare di usare le dovute precauzione quando si fa sesso, soprattutto con persone sconosciute.

Credits: IST.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%