Il Centro Direzionale di Napoli perde pezzi

La pavimentazione del Centro Direzionale di Napoli Il Centro Direzionale di Napoli è una zona vicino Poggioreale e a ridosso della Stazione Centrale in cui ci sono uffici, ristoranti, bar e tante altre cose.

Progettato dall’architetto giapponese Kenzo Tange, il CDN è stato completato nel 1995. Con le sue 13 torri, alcune delle quali come la Torre Telecom Italia superano i 120 metri di altezza, il Centro Direzionale doveva rappresentare una sorte di piccola Manhattan. Del famoso quartiere di New York però ha “preso” solo i grattacieli, perché per il resto il Centro Direzionale versa nell’abbandono più totale.

Non bastava la continua fuoriuscita dell’acqua dal sottosuolo, ora il CDN viene alla ribalta per la perdita di “pezzi”. La pavimentazione originaria si sta sollevando in più punti spaccandosi. Questo rappresenta un pericolo per le tante persone che ogni giorno attraversano il CDN. La situazione più grave è presente nei pressi delle isole G ed F, dove ci sono delle vere e proprie buche.

Scale mobili non funzionanti al CDN di Napoli Ma non finisce qui, perché i cittadini segnalano anche un impianto di illuminazione inadeguato nei parcheggi. Inoltre, le scale mobili(foto) non sono in funzione da diversi mesi(se non anni). La fontana, situata all’ingresso del Centro Direzionale, è quasi sempre senz’acqua.

Commenti

  1. Il centro direzionale, un altro obrobrio che si è mangiato ingenti soldi pubblici. Ogni volta che ci entro, mi piange il cuore

    RispondiElimina
  2. Io invece ogni volta che ci entro mi viene il voltastomaco. La prima cosa che si nota è il degrado...

    RispondiElimina
  3. Scusa per caso sai qualcosa per quanto riguarda la cifra che è stata spesa per costruirlo? Perchè anche io da tempo vorrei dedicarci un post sul mio blog, ma non riesco a trovare info a riguardo. Ho chiesto anche a qualche giornalista di spessore ma non ho ottenuto riposta.
    Ammesso che la cifra spesa all'epoca fu resa pubblica...
    Grazie

    RispondiElimina
  4. Sinceramente non lo so. Ma penso che sia una cifra enorme...

    RispondiElimina
  5. Anche io ho scritto un post sul centro direzionale. Ho preso 3 foto, spero non ti dispiaccia..ti ho citato comunque alla fine tra le fonti. Ecco il mio post: http://lucascialo.splinder.com/post/22710768/il-centro-direzionale-%25E2%2580%259Cla-manhattan%25E2%2580%259D-costosa-e-in-decadenza-di-napoli
    Ciao e speriamo che mostri così non siano più realizzati :S

    RispondiElimina
  6. L'ho letto. Hai fatto un ottimo lavoro. Comunque, rimane un mistero il costo di quest'opera. Saluti.

    RispondiElimina
  7. Già, ho chiesto anche lumi a qualche "esimio" giornalista ma non mi hanno cagato di striscio. Purtroppo si sono imborghesiti, anche loro.
    Volevo anche approfittare per chiederti se, visto che i nostri Blog sono abbastanza in sintonia, volevi scambiare i link. Il mio lo chiameresti "Il Blog di Luca Scialò", poi magari mi dici come nominerei il tuo.
    Aspetto tue notizie, ciao!

    RispondiElimina
  8. Nel tuo posto ho letto che avevi chiesto informazioni a Ruotolo e ad altri. Riguardo allo scambio link, per me va bene. Il mio lo puoi chiamare "Maxso Magazine". Saluti.

    RispondiElimina
  9. Ok, ho provveduto anche io. Sai che poi mi ha risposto nella sua trasmissione Luigi Necco, dandomi anche un numero di un urbanista che dice essere molto disponibile. Magari ci provo. Ti farò sapere.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. Bene. Speriamo che questo "urbanista" possa rivelarti il costo del Centro Direzionale... Saluti.

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record

Italia Viva è copyright De Luca

Sbarchi migranti in calo del 68,50%