L’illusionista Berlusconi

Berlusconi parla di mafia L’illusionista è una persona che crea effetti apparentemente magici usando trucchi che possono essere fisici o psicologici(fonte Wikipedia). Di solito per “distrarre” l’ignaro spettatore viene utilizzato anche “l’oggetto” donna.

Una politico che ama molto questa “tecnica” è il nostro presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Il nanetto di Arcore non affronta i problemi del nostro paese, ma cerca di insabbiarli. Sui media(controllati in gran parte da lui) non si parla dell’emergenza lavoro, ma di cose banali(tipo i calendari mozzafiato delle “starlette” televisive).

Secondo Berlusconi il problema mafia non è causato dai clan ma da chi ne parla. Nel novembre 2009 puntò l’indice contro chi ha prodotto la serie TV “La Piovra”. A distanza di 6 mesi Berlusconi, nel corso di una conferenza stampa con il titolare del Viminale, se la prende con l’autore di “Gomorra” Roberto Saviano.

Il presidente del Consiglio ha dichiarato “La mafia italiana risulterebbe essere la sesta al mondo ma è quella più conosciuta, perché c’è stata un supporto promozionale a questa organizzazione criminale che l’ha portata ad essere un elemento molto negativo di giudizio per il nostro paese. Ricordiamoci le 8 serie de La Piovra e tutto il resto, la letteratura, Gomorra…”.

La prima cosa che “salta all’orecchio” è la contraddizione di queste dichiarazioni. Innanzitutto, la serie TV “La Piovra” è andata in onda negli anni 80 e quindi è roba di tanti anni fa. Le due fiction “mafiose” più recenti sono “Il Capo Dei Capi” e “L’onore E Il Rispetto” andate in onda sulle reti Mediaset(azienda di Berlusconi). Riguardo a “Gomorra”, il libro di Saviano è stato pubblicato dalla Mondadori(altra azienda di Berlusconi). Berlusconi ma ci fa o ci sei?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record

Italia Viva è copyright De Luca

Sbarchi migranti in calo del 68,50%