Fallito il tour operator Viaggi del Ventaglio

Sito del gruppo Ventaglio Quasi tutti gli italiani hanno già prenotato le proprie vacanze estive presso un’agenzia di viaggi. Altri preferiscono aspettare per approfittare di qualche offerta last minute.

Molti persone però non sanno che è fallito un noto tour operator italiano. Il gruppo “Viaggi del Ventaglio” aveva un buco di 200 milioni di euro ed era nella black list della Consob dal 2005. Dal 15 luglio 2010 questo tour operator è in amministrazione controllata.

Nonostante ciò, il sito web del gruppo “Viaggi del Ventaglio” è ancora online e promette viaggi e soggiorni esclusivi. Ma a chi vuole prenotare, appare la scritta “fuori servizio per manutenzione”. La cosa più grave è che ci sono ancora delle agenzie di viaggi che offrono viaggi con questo tour operator. Rosario Trefiletti, presidente della Federconsumatori, ha dichiarato “È «indispensabile la pubblicazione di un avviso circa l’attuale stato del gruppo, che non è possibile acquistare pacchetti viaggio con tale tour operator né sul sito né in agenzia”.

In questi giorni, centinaia di viaggiatori e il Codacons hanno presentato un esposto alla Procura di Milano contro il gruppo “Viaggi del Ventaglio”. Le denunce sono arrivate sulla scrivania del pm Luigi Orsi, titolare dell’inchiesta sul gruppo turistico fallito. I viaggiatori truffati difficilmente riavranno indietro i soldi. Per questo motivo si torna a parlare del fondo di garanzia a favore dei turisti vittime di disservizi. Pietro Giordano, segretario nazionale dell’Adiconsum, ha dichiarato “Il fondo deve essere gestito pariteticamente dall’Antitrust, dalle associazioni dei consumatori e delle aziende del settore, e alimentato dalle multe comminate dall’Autorità alle agenzie di viaggio e ai tour operator scorretti”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore