Il Tar fa tremare Roberto Cota

Roberto Cota Il Tar del Piemonte potrebbe sconvolgere il risultato delle elezioni regionali dello scorso marzo.

Oggi(16 luglio), poco dopo l’una di notte i giudici del Tar hanno accolto due ricorsi presentati contro le liste “Consumatori” e “Al centro con Scaderebech”. La sentenza dei giudici servirà per verificare se l’intenzione dell’elettore fosse davvero quella di votare il candidato della Lega Roberto Cota. Per questo motivo verranno ricontate le schede.

In pratica l’elettore potrebbe aver votato la lista “Al centro per Scaderebech” non sapendo che questa appoggiava Cota. Poco prima delle elezioni, il consigliere che ha creato questa lista è uscito fuori dall’UDC(alleato con il centro sinistra in Piemonte) per andare con il centrodestra.

Nelle ultime regionali, questa lista ha incassato 12mila voti, mentre la lista “Consumatori” ha avuto 3 mila preferenza. I giudici controlleranno queste 15 mila schede per verificare quante portano l’indicazione di Cota presidente. Passeranno almeno 30 giorni per conoscere l’esito del riconteggio.

Al leghista Cota basteranno 6 mila voti che portino l’indicazione esatta del suo nome per rimanere presidente della Regione Piemonte. In caso contrario ci sono due possibilità: il Piemonte torna al centro sinistra oppure si torna alle elezioni in autunno. Il risultato del riconteggio dovrebbe arrivare a ferragosto.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%