Cos'è il tecnostress?

Tecnostress Il tecnostress è quella patologia che colpisce gli addetti di call center e, più in generale, chi usa in maniera diffusa le tecnologie informatiche. Questa malattia provoca ansia, insonnia o mal di testa. Negli Stati Uniti questo problema è molto diffuso.

Milioni di persone sono interessate da questa sorte di "tossicodipendenza" della tecnologia, che nel 50% dei casi provoca gravi forme di sconforto, evidenziate da malesseri come agitazione, problemi cervicali e insonnia.

A Torino, il procuratore aggiunto, Raffaele Guariniello, ha aperto un inchiesta sui call center della città, per verificare le condizioni di lavoro degli addetti e se siano a rischio di contrarre questa patologia. Una cosa non mi convince, perché dal 2000 al 2004 i call center sono diminuiti al nord e aumentati al centro-sud?

Nel 2008 al centro-sud era dislocato il 65% dei call center outsourcing italiano. Le aziende stanno puntando sul sud per un motivo molto semplice: c'è poco lavoro e tanta ignoranza. Molte persone, anche laureate, si fanno sfruttare per pochi spiccioli al mese, non sapendo che questo lavoro potrebbe portare gravi danni alla salute.

Per concludere direi che nemmeno i programmatori possano dormire sogni tranquilli. Se un addetto in un call center lavora in media 5 ore al giorno, il programmatore che lavora 8 ore al giorno(escluso straordinari), ha più probabilità di contrarre questa patologia.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

Istat: Economia sommersa vale 192 miliardi

Il lago di munnezza a Scampia

L’ex Villa Russo è diventata una discarica

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

27 famiglie abbandonate dal Comune di Napoli