La moda del nulla

Maria Rosaria Federico Negli ultimi giorni in Italia è venuto alla ribalta un nuovo “fenomeno paranormale”. Dopo le cafone romane di “un calippo e 'na bira”, ora è il turno di una “pucchiacca” caprese.

La tipa che vedete nella foto ha postato un video sul suo canale Youtube in cui la si vede al posto di comando di un aliscafo in viaggio verso Capri. Dopo pochi giorni, il video ha scatenato un vero e proprio putiferio.

L’ingenuo comandante è finito sotto inchiesta per aver commesso violazioni di natura penale, disciplinare e amministrativa. La Capitaneria di Porto di Napoli contesta all'ufficiale l'abbandono del posto di comando e la mancata applicazione delle norme internazionali sulla security. Da parte sua il comandante del catamarano Snav “Alcione” ha 15 giorni di tempo per consegnare le sue osservazioni. Il fascicolo ora è passato alla Procura della Repubblica, la quale sta portando avanti un’altra inchiesta. E la “pucchiacca” caprese?

E’ diventata una “celebrità del nulla”. La tipa ha rilasciato un’intervista al giornale “Il Mattino”. Mettendo subito da parte l’umiltà, la caprese ha detto di essere diventata famosa. La caprese quasi certamente verrà scelta per un reality. Gira voce che potrebbe andare a “L’isola Dei Famosi”. Mah, sono a dir poco sconcertato. Fino a qualche decennio fa per avere un po' di celebrità dovevi essere uno scienziato, un grande attore, un gran presentatore etc... Oggi basta postare una cazzata su Youtube…

Per la serie al “peggio non c’è mai limite”, le due ragazze della spiaggia di Ostia(“un calippo e 'na bira”) sbarcano al cinema. Le tipe reciteranno nel film comico “Due Uomini In cella”. L’unico consiglio che posso darvi è di evitare di vedere il film. Solo così si può debellare il “nulla”…

Commenti

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore