Stop alle bollette astronomiche per l’internet mobile

Nuove regole per l'internet mobile Da un paio di anni si sta diffondendo in Italia l’internet mobile. I vari operatori propongono due tipi di offerte: a tempo o sulla quantità di dati scaricati.

La seconda opzione è quella meno conveniente, ma anche la prima può essere costosa. In molti casi, conoscere il tempo o i dati residui mensili diventa una vera e propria un’impresa. Per questo motivo, molto spesso i consumatori superano il limite prefissato ricevendo delle bollette astronomiche.

Il 2 agosto 2010 l’Agcom ha varato una delibera per proteggere gli utenti dell’internet mobile. D’ora in poi i consumatori verranno avvertiti con un allarme(via sms, e-mail o tramite lo stesso programma usato per navigare con chiavetta su computer) ogni volta che raggiungeranno la soglia di spesa prefissata. Raggiunto il limite, la connessione verrà bloccata fino alla fine del mese.

Gli utenti hanno tempo fino al 31 dicembre 2010 per indicare la soglia al proprio operatore internet mobile. Nel caso in cui il consumatore non segnala la propria soglia entro quella data, dal 1 gennaio 2011 si applicherà automaticamente un limite per traffico dati nazionale di 50 euro per i clienti privati e 150 euro per i clienti business.

Entro il 1 gennaio 2011 gli operatori dovranno aggiornare i propri sistemi per consentire agli utenti di controllare in tempo reale la spesa e tutte le informazioni relative al consumo accumulato.

Allegato: Delibera Agcom 326/10/CONS.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%