Draghi: In Italia disoccupazione all’11%

Obiettivo lavoroOggi(28 ottobre), il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, è intervenuto alla “Giornata mondiale del risparmio”.

Draghi ha dichiarato la cosa più logica, ovvero che per rilanciare i consumi bisogna creare occupazione. Il governatore è molto preoccupato perché il numero di occupati si è ridotto in Italia di 560.000 persone tra il secondo trimestre del 2008 e il quarto del 2009.

Il governatore ha dichiarato “Le persone che hanno perso il proprio posto di lavoro sono in gran parte appartenenti a quell'area che include i contratti di lavoro a tempo determinato e parziale e il lavoro autonomo con caratteristiche di lavoro dipendente occulto”. Draghi ha aggiunto che in Italia c’è un tasso di sottoutilizzo superiore all’11% delle persone potenzialmente occupabili. Quindi la disoccupazione reale non è all’8,2% come dice l’Istat. Una domanda sorge spontanea, da dov’è uscito quell’altro 3%?

Draghi ha conteggiato anche le persone in Cig e i disoccupati scoraggiati, ovvero quelle persone che non cercano il lavoro pur non avendolo. Per la cronaca, queste “categorie” vengono conteggiate in Francia, Regno Unito e Germania. Invece, in Italia questi disoccupati erano dei “fantasmi” fino ad oggi.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli