La censura preventiva contro Report

La villa di Berlusconi ad Antigua, nei CaraibiQuesta sera su Rai 3 ritorna “Report”, il programma di inchieste giornalistiche condotto dalla freelance Milena Gabanelli. Nonostante la puntata non sia ancora andata in onda, già ci sono delle polemiche. E’ stato l’avvocato Niccolò Ghedini a lanciare il “sasso nello stagno”.

Secondo il deputato del PDL, nonché avvocato di Silvio Berlusconi, sarebbe davvero grave se la Rai mandasse in onda questa sera la puntata di “Report”. Il motivo? La puntata ricostruisce l’acquisto, da parte del premier, di una serie di immobili nell’isola caraibica di Antigua. Ghedini ha dichiarato “La puntata rivela delle notizie totalmente fuorvianti e palesemente diffamatore poiché si basano su assunti già dimostratisi insussistenti”.

Marco Beltrandi, esponente radicale e componente della Commissione di Vigilanza Rai, ha dichiarato “Sono contrario da sempre ad ogni forma di censura preventiva, ancora di più nel caso di trasmissioni frutto del giornalismo di inchiesta, come Report. È ovvio che deve essere garantita sia la messa in onda che un adeguato diritto di replica, fatto salvo ovviamente il diritto alla tutela giurisprudenziale dell'immagine ove ve ne fosse ragione. Con la censura si uccide qualsiasi giornalismo di inchiesta”.

Vincenzo Vita(PD) e Giuseppe Giulietti(Gruppo Misto) hanno rilasciato questa dichiarazione congiunta: “A che titolo l'avvocato Ghedini chiede la censura preventiva contro Report? Ci auguriamo che a nessuno venga in mente di tappare la bocca ad una giornalista seria autorevole e libera come Milena Gabanelli anche perché sarebbe singolare che le inchieste si possano fare solo sul presidente Fini”.

Vi confesso che questa sera non avrei guardato “Report”. Dopo questa ennesima scenata dell’avvocato Ghedini, quasi certamente vedrò la puntata per capire meglio di cosa si tratta. Nel video potete ascoltare la replica della Gabanelli.

Commenti

  1. Report non si tocca.
    Non si provi neanche un po',a mettere
    i bastoni tra le ruote, alle trasmissioni
    di inchiesta sulle malefatte!

    RispondiElimina
  2. La Gabanelli brava? Certo! Ma il merito è dei propri giornalisti,che fanno le inchieste.Duole pero' che in un caso, uno è stato denunciato si è dovuto difendere a proprio spese in quanto la Gabanelli se nè è lavata le mani. Percio' un bravo alla Gabanelli ma anche ai suoi collaboratori.

    RispondiElimina
  3. perchè i giornali anno il diritto di cronaca?
    avvolte ne abusano scrivendo false notizie
    senza prima avere un contraddittorio,
    appellandosi al diritto di cronaca in caso di notizie errate, se la cavano con due righe di scuse in terza pagina, quando va bene.
    anche la televisione e un'organo di stampa adibito all'informazione,per tanto se le notizie divulgate sono vere,adempie al suo dovere quello di informare. VITTORIO

    RispondiElimina
  4. Concordo. Il successo di "Report" è da attribuire anche alla bravura degli altri giornalisti. Per la verità, dovrebbe essere la Rai a tutelare i giornalisti quando ci sono delle cause e non la Gabanelli. In molti casi, i giornali fanno dossier sul nulla.

    RispondiElimina
  5. Ghedini è quanto di peggio possa offrire la politica...

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

De Magistris al Gay Pride con le periferie sommerse dai rifiuti

Bankitalia: Debito pubblico a 2.373,3 miliardi. E' record

L’inedito di Freddie Mercury

De Magistris: Nessuna emergenza rifiuti

Istat: In povertà assoluta 5 milioni di persone