Assolto il boss Cosimo Di Lauro

Cosimo Di Lauro assolto in appelloLa notte del 22 novembre 2004, la 21enne Gelsomina Verde fu torturata, uccisa e bruciata dagli uomini del clan Di Lauro, perché conosceva un “uomo” degli scissionisti. 

Per l’omicidio di Mina, è diventata definitiva la condanna all’ergastolo a carico di Ugo De Lucia. Il boss Cosimo Di Lauro fu condannato in primo grado all’ergastolo come mandante dell’omicidio. Nel marzo 2010 Di Lauro decise di risarcire con 300 mila euro i familiari della ragazza. In questo modo il boss sperava di evitare l’ergastolo.

Nei giorni scorsi la Corte d’Assise di Appello di Napoli ha assolto Cosimo Di Lauro dall’accusa di essere il mandante dell’omicidio di Gelsomina Verde. I giudici hanno accolto le richieste dei legali dell’imputato, gli avvocati Saverio Senese e Vittorio Giaquinto. A nulla sono valse le testimonianze di alcuni collaboratori di giustizia.

Il procuratore Giovandomenico Lepore ha dichiarato “Rispettiamo la sentenza dei giudici d’appello, ma attendiamo la lettura delle motivazioni, per capire cosa è venuto meno nella valutazione dei giudici. Il passaggio da un ergastolo a una assoluzione è un fatto grave, siamo pronti a sollecitare alla Procura generale un ricorso per Cassazione”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bollo auto abolito con lo spread?

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il cantiere di piazza Garibaldi

Perché si usa Facebook?

A settembre emergenza rifiuti in Campania