Rissa al consiglio regionale del Piemonte

Rissa al consiglio regionale del PiemonteOggi(30 dicembre), al consiglio della Regione Piemonte si è discusso una proposta di legge per ridurre gli stipendi dei consiglieri. Come al solito, quando vengono toccate le loro tasche, quelli della “COL” si sono coalizzati.

Il “Movimento 5 Stelle” aveva proposto una riduzione netta degli stipendi e dei privilegi(compreso il vitalizio dopo soli 5 anni) dei Consiglieri Regionali piemontesi per un risparmio annuo di circa 12 milioni di euro. L’accordo unanime di PD, PDL e Lega(quella che vuole abolire gli sprechi) non ha fatto passare la proposta.

Il Movimento ha rilasciato questo comunicato “"Nell'ultima seduta del Consiglio Regionale è stata bocciata la proposta di legge del Movimento 5 Stelle che chiedeva una riduzione seria delle indennità(30%) e dei benefit dei consiglieri(oltre 4000 € netti al mese), vitalizio compreso(3000 € dopo 5 anni). Non solo è stata bocciata, ma non è stata neanche discussa nel merito, nemmeno in Aula”.

Alla fine della seduta è passata solo una riduzione del 10% dell’indennità(pari a circa 700 mila euro annui), ma solo perché c’era la “minaccia” di una riduzione dei trasferimenti statali in caso di mancato decurtamento dell’indennità. Gli esponenti del “Movimento 5 Stelle” hanno lanciato delle banconote false ai consiglieri del PD, PDL e Lega a parziale copertura delle perdite che matureranno dal 2011.

Alcuni “esponenti” della COL non hanno gradito. Il consigliere del PD, Antonino Boeti, ha apostrofato in malo modo i “grillini” e ha minacciato violenze fisiche. Il consigliere del PDL, Massimiliano Motta, ha preso a calci Davide Bono. Guardare per credere.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

Istat: Economia sommersa vale 192 miliardi

Il lago di munnezza a Scampia

27 famiglie abbandonate dal Comune di Napoli

Scampia sommersa dai rifiuti

Scampia è diventata la discarica di De Magistris