Partito Democratico nel caos. Annullate le primarie a Napoli

Annulate le primarie di Napoli del PD

La vittoria di Andrea Cozzolino alle primarie del centro sinistra di Napoli ha scatenato molte polemiche. A nulla sono valse le proteste dei “seguaci” dell’europarlamentare. Le primarie del capoluogo campano sono state annullate e cancellate.

Il segretario del PD, Pierluigi Bersani, ha chiesto un passo indietro ai duellanti Umberto Ranieri e Andrea Cozzolino. Entrambi si devono fare da parte, perché sono nomi bruciati e non più papabili. Il bassoliniano ha minacciato di uscire dal PD per creare una lista civica. A questo punto, tutti si chiederanno chi sarà il candidato sindaco del centro sinistra a Napoli? Le menti geniali del Partito Democratico hanno pensato ad una soluzione esterna. Roberto Saviano e Walter Veltroni hanno proposto Raffaele Cantone. Il magistrato anti-camorra ha subito declinato l’invito.

Cantone ha dichiarato: “E’ un salto che non ritengo opportuno fare. Sono un magistrato e penso che ciascuno debba fare al meglio il suo mestiere. Perciò il mio nome come nuovo candidato sindaco a Napoli non lo vedo”. L’altro nome “caldo” era quello di Lucia Annunciata. Però anche la giornalista ha rifiutato. La conduttrice di “In Mezz’ora” ha detto: “E’ una vicenda di mesi fa. Mi è stato proposto dal PD molto carinamente di fare il candidato unitario, Napoli è la mia città, ma non penso che si possa saltare dal desk di ‘In mezz’ora’ al desk di palazzo San Giacomo”. L’ultima “carta” di Bersani si chiama Paolo Mancuso, il procuratore capo di Nola.

Paolo è il fratello minore di Libero Mancuso, che domenica scorsa ha corso alle primarie per “Sinistra e Libertà”. Mi chiedo, a questo punto non sarebbe più corretto scegliere direttamente il candidato scelto da Vendola? Il PD non riesce a trovare un candidato per un motivo molto semplice. Quasi certamente il centro-sinistra perderà le elezioni comunali di Napoli. La cattiva amministrazione del Comune da parte della giunta Iervolino ha creato un danno di immagine irreparabile. Non bastasse ciò, la nuova giunta si troverà un “buco” in bilancio di svariati miliardi. La mazzate finale l’ha data il “caso” delle primarie. Questa vicenda ha fatto perdere ulteriore credibilità al Partito Democratico.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

CheBanca! con disservizi

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Perché si usa Facebook?

OIM: 641.398 migranti in Libia