Primarie Napoli: Vince Cozzolino tra le polemiche

Andrea CozzolinoAndrea Cozzolino(PD) ha vinto le primarie del centro sinistra. Il “bassoliniano doc” ha ottenuto il 37,3% delle preferenze. Secondo Umberto Ranieri(PD) con il 34,6%, che godeva dei favori del pronostico alla vigilia, risultato vincitore in tutti gli altri quartieri. Terzo è l’ex magistrato Libero Mancuso(SEL) con il 15,8%, chiude Nicola Oddati(PD) con il 12,1%. In totale hanno votato 44.188 persone.

Il risultato definitivo è giunto al termine di un lungo e contestato scrutinio, per alcune presunte irregolarità in circa 12 seggi. In particolare, destano scalpore i risultati nel seggio di via Ianfolla a Miano e di Secondigliano. Nel primo Cozzolino ha ottenuto 1.067 voti, mentre i suoi avversari messi insieme hanno totalizzato “solo” 498 voti. A Secondigliano il “bassoliniano doc” ha ottenuto 604 preferenze, mentre i suoi avversari hanno totalizzato 329 voti. Pochi. In questo seggio Mancuso non ha ricevuto nemmeno una preferenza.

Il consigliere regionale Corrado Gabriele, sostenitore di Oddati, ha dichiarato: “Il centrodestra si è scelto il suo candidato e Cozzolino ha ottenuto quel che voleva in soli quaranta giorni di campagna elettorale, rispetto ai due mesi e più di campagna di Ranieri e Oddati. Come ha ottenuto tutto questo? A volte pagando, a volte promettendo”. Con la vittoria di Cozzolino alle primarie, il centro sinistra si prepara a regalare al centro destra anche il comune di Napoli. Non si può votare uno che ha fatto parte della giunta Bassolino. Per avere qualche possibilità di vittoria si doveva fare un taglio netto con il passato. Invece, Cozzolino rappresenta il proseguo della politica fallimentare di Bassolino. L’ex assessore non accetta il confronto e non risponde alle domande scomode. Guardate il video per avere una conferma.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018

La caduta del muro di Berlino