Un napoletano su due non ha pagato la TARSU nel 2010

L'articolo de "Il Mattino" del 17/01/2011Da alcuni mesi la città di Napoli deve fronteggiare l’ennesima emergenza rifiuti. La situazione è un po' migliorata con l’arrivo del 2011. Il secondo giorno del nuovo anno l’esercito ha raccolto una grande quantità di rifiuti dalle strade. Nonostante ciò, nelle ultime ore la situazione sta di nuovo degenerando.

Forse sarà questo il motivo che ha spinto i napoletani a non pagare la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Secondo una fonte ufficiale, il 50% dei cittadini ancora non ha pagato la TARSU. Per la verità l’ultima rata scade il 31 marzo 2011. Quindi ci sarebbe ancora tempo per pagare.

Il Comune di Napoli spera di raggiungere quota 65%, come negli ultimi due anni. Se la cosa non si verificherà, ci sarà un nuovo buco nel bilancio di Palazzo San Giacomo. Il nuovo sindaco dovrà risolvere un bel problema. La domanda sorge spontanea, dove reperirà le mancate entrate?

Per legge(“grazie” al governo Prodi) il pagamento dell’intero servizio deve essere contenuto dall’entrate della TARSU. Nel caso aumenti il “fenomeno” dell’evasione, i politicanti avrebbero due alternative per coprire il “buco”: lotta all’evasione o più semplicemente un nuovo rincaro della TARSU. Più probabile la seconda ipotesi. Sarebbe l’ennesima “mazzata” ai danni dei napoletani.

Dal 2007 a oggi l’aumento complessivo della TARSU è stato dell’80%. Il rincaro più sostanzioso si è verificato nel 2009, quando la TARSU è aumentata del 60% per colpa della legge fatta dal governo Prodi che obbligava la TARSU a coprire il 100% del servizio. Nel 2010 la tariffa ha subito un nuovo rincaro. L’aumento è dovuto al passaggio di consegne della gestione degli impianti e degli smaltimenti alla Provincia di Napoli. L’ente di Piazza Matteotti crea la “Sapna”, una società che si deve occupare del ciclo dei rifiuti. E poiché è una S.p.a. ed è soggetta ad IVA, ecco che sbuca l’aumento del 10% sulle bollette.

Nonostante i continui aumenti, l’emergenza rifiuti non è mai cessata. Di seguito potete consultare le entrate e la percentuale dei paganti della TARSU degli ultimi tre anni. Per la cronaca, nel 2007 la percentuale dei paganti era del 78%.

Anno Entrate previste Paganti Entrate effettive
2008 126.000.000 65% 81.900.000
2009 170.000.000 60% 102.000.000
2010* 170.000.000 50% 85.000.000

* Dato provvisorio poiché l’ultima rata scade il 31 marzo 2011.

Credits: Il Mattino.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

CheBanca! con disservizi

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Perché si usa Facebook?

OIM: 641.398 migranti in Libia