Assemblea pubblica a Scampia

La giunta Iervolino ha individuato un sito di trasferenza dei rifiuti nella zona di Scampia. I cittadini annunciano una manifestazione.

Piazza della Libertà nel rione MonterosaL’emergenza rifiuti a Napoli non è ancora stata risolta. I politicanti(di qualsiasi fazione) stanno facendo di tutto per protrarre questo problema. Il motivo è semplice: l’emergenza rifiuti porta soldi. La soluzione definitiva(ma nemmeno temporanea) non è “fare” buchi in periferia. La giunta Iervolino ha individuato un sito di trasferenza dei rifiuti. Questo è un altro modo per ingannare la gente, perchè il sito si trasformerà quasi sicuramente in discarica permanente. Come già scritto in questo blog, l’area si trova al confine tra Scampia e il comune di Mugnano.

Il sito di trasferenza dei rifiuti dovrebbe sorgere a pochi passi da centro abitato. Una follia pura. In un qualsiasi altro paese “civile” chiederebbero le dimissioni del sindaco Iervolino. Per questo motivo, la scorsa settimana i cittadini di Scampia hanno lanciato una petizione per fermare questa scelta scellerata del Comune di Napoli. La protesta non ferma qui. Il comitato contro la discarica a Scampia ha promosso un’assemblea pubblica per il 26 febbraio 2011. La manifestazione inizierà alle ore 10.30 in piazza della Libertà nel rione Monterosa. Accorrete in massa. Nella pagina Facebook che pubblicizza l’evento c’è scritto:

In un territorio già martoriato per l’assenza delle Istituzioni, la Regione Campania, la Provincia e il Comune di Napoli decidono ancora una volta, dopo 18 anni di “emergenza” rifiuti, di procedere ancora sulla via delle discariche ed inceneritori. E’ infatti di questi giorni la notizia di aprire l’ennesima discarica, chiamata “sito di trasferenza”, all’interno dell’area nord di Napoli, qui a Scampia.

Non è questa l’idea di sviluppo del territorio che hanno in mente i cittadini di Napoli. Ci avevano promesso l’università e ci rifilano un tumore!! Lottiamo assieme contro le speculazioni dei pochi che porteranno soldi nelle tasche dei soliti, uniamoci con le altre lotte nate in questi anni in tutta la Campania in difesa del territorio e della salute per un ciclo virtuoso dei rifiuti.

SI ALLA DIFESA DELLA SALUTE E DELL’AMBIENTE E AL REGISTRO DEI TUMORI SI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA, COMPOSTAGGIO, RICICLO E RIUSO NO ALLE DISCARICHE E AGLI INCENERITORI

Comitato contro la disarica a Scampia

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bollo auto abolito con lo spread?

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il cantiere di piazza Garibaldi

Perché si usa Facebook?

A settembre emergenza rifiuti in Campania