Belpietro inveisce contro Giulia Innocenzi

Belpietro inveisce contro Giulia InnocenziNella puntata de “L’ultima Parola” è scoppiato un putiferio. Tutta colpa di una frase pronunciata da Giulia Innocenzi che ha scatenato l’ira del giornalista Maurizio Belpietro.

La conduttrice “Generazione Zero” ad “AnnoZero” ha detto “Il discorso sulla prostituzione nella politica vale esattamente anche nel campo del giornalismo come negli altri campi. Non è la testata per cui uno lavora, ma è lo spirito con cui il lavoro viene fatto”. Non l’avesse mai fatto. Il direttore di “Libero” si è sentito tirato in causa. Una volta presa la parola ha fatto un discorso senza senso. Sembrava quasi uno che diceva parole in libertà.

Belpietro ha detto “Adesso diamo lezioni a tutti. Il corpo delle donne. La moralità delle donne. Come le si usano. Come non le si usano. I giornalisti sono dei prostituti evidentemente. Ma cara Innocenzi, tu ti sei mai chiesta perché sei stata scelta ad AnnoZero? Ma tu non facevi la giornalista, non eri nessuno, non ti conosceva nessuno, perché ti hanno pigliato?”

Come si può notare, il direttore di Libero “gira la frittata” denigrando l’interlocutore come fanno gran parte dei “pidiellini”. Belpietro si domanda il motivo per cui Santoro non prende le precarie della Rai. Non contento definisce la Innocenzi una “velina della sinistra”. Una domanda sorge spontanea, perché Gianluigi Paragone ha assunto le precarie della Rai?

La querelle va avanti per alcuni minuti. In difesa della Innocenzi interviene il giornalista de “Il Fatto Quotidiano” Luca Telese. La cosa più scandalosa la fa il conduttore del programma. Paragone gongola e ridacchia inopportunamente. Inoltre, non dimostra correttezza nella conduzione della bagarre. E meno male che è Santoro ad essere fazioso…

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Il business degli affidi