Il milleproroghe dimostra che il governo è a trazione leghista

Il governo aiuta gli allevatori e fa rimanere nella munnezza i napoletaniOggi(16 febbraio), il governo Berlusconi incassa la fiducia al Senato sul decreto milleproroghe con 158 si, 136 no e 4 astenuti. A favore hanno votato PDL d Lega, contrari PD, IDV, UDC, FLI, MPA e API. Il provvedimento passa ora all’esame della Camera per il via libera definitivo. La votazione ha fatto scoppiare un nuovo caso nelle file di FLI. Giuseppe Menardi, senatore di “Futuro e Libertà” non ha partecipato al voto ed ha annunciato che lascerà il gruppo. A FLI ora manca un senatore per garantire la sopravvivenza della compagine al Senato.

Ma torniamo al decreto approvato oggi. Nel milleproroghe c’è di tutto. Si passa dagli aiuti alle banche all’aumento di un euro del biglietto del cinema. Nel decreto c’à anche un aumento delle tasse “ad popolazionam”. Le regioni colpite da calamità potranno alzare le tasse o le addizionali di propria competenza, compresa le accise sulla benzina fino ad un massimo di 5 centesimi per litro. In Campania per fronteggiare l’emergenza rifiuti potrà essere incrementata l’addizionale all’accise dell’energia elettrica.

I politicanti svuotano le tasche(già povere) dei campani per coprire le spese di un’emergenza creata a tavolino per far “magnare” gli amici degli amici. Sono semplicemente ridicoli. Lo Stato dovrebbe risarcirci per ciò che (non) ha fatto in questi anni. Altro che aumento dell’accise sull’energia elettrica. Non bastasse ciò, i “leghisti” hanno imposto il rinvio rinvio al 30 giugno 2011 del pagamento delle multe sulle quote latte per gli agricoltori della Padania. Questo dimostra che il governo è a trazione leghista. Altro che piano Sud…

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Il business degli affidi