La Russa prende a calci un giornalista

La Russa finge di essere stato colpitoIeri(11 febbraio), al teatro “Dal Verme” di Milano c’è stata una manifestazione contro i pm. L’evento, chiamato “In Mutande Ma Vivi”, è stato organizzato dal nuovo spin doctor di Silvio Berlusconi, vale a dire Giuliano Ferrara. C’era anche Iva Zanicchi. Durante il suo intervento, l’ex conduttrice di “Ok Il Prezzo è Giusto” ha menzionato Gesù pur di salvare l’immagine del “culo flaccido”.

Ma passiamo all’argomento di questo post. A margine della manifestazione il giornalista di “AnnoZero”, Corrado Formigli, ha “tentato” di fare qualche domanda al ministro della Difesa, Ignazio La Russa. Il “pidiellino” si è rifiutato di rispondere. La Russa ha dichiarato “Risponderò a voi quando lascerete che alla vostra trasmissione partecipi anche una parte di persone che non la pensa come Santoro. L’ultima volta c’erano 100 studenti che non rappresentava tutti gli studenti”.

L’inviato di “AnnoZero non demorde. Formigli domanda “Se fosse dimostrato che Arcore era frequentata da prostitute minorenni, Berlusconi cosa dovrebbe fare?”. Il ministro della Difesa prima dice al cronista di “chiedere a sua sorella” e poi, manco fosse un cavallo, si mette a scalciare da dietro il povero inviato. Non contento La Russa, fa anche una sceneggiata stile Mario Merola urlando “Cosa fa? Mi da pedate da dietro? Mi da pedate? Ma si levi”.

Il risultato è che Formigli, dopo essere stato preso a pestoni con il tacco della scarpa di La Russa, viene placcato dalle forze di polizia presenti in sala e identificato. D’ora in poi, chi vuole fare domande al “guerrafondaio” La Russa deve portarsi dietro la scorta. Ma ci rendiamo conto da chi siamo governati? La Russa dimetti, perché non sei degno di fare il ministro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Il business degli affidi