L’intervista di AnnoZero a Beppe Grillo

Beppe GrilloQuesta sera(10 febbraio), “AnnoZero” ha offerto ai telespettatori una nuova intervista al comico genovese Beppe Grillo. Il blogger ha raccontato alla cronista Francesca Fagnani il suo punto di vista sul federalismo, sull’attuale classe politica italiana e sul “Movimento 5 Stelle”.

Grillo non ha usato mezzo termini. Il comico genovese ha criticato anche la manifestazione al PalaSharp di sabato scorso. Grillo ha detto “Usano certe persone come Saviano per riportare i giovani a credere in una sinistra che non c’è mai stata. Perché quando vai nei consigli comunali o regionali ti rendi conto. Quando vogliono fare una tangenziale, un’autostrada, una centrale nucleare o privatizzare l’acqua sono d’accordo tutti e due”.

Il comico genovese vuole che se ne vadano a casa tutti. Grillo ha detto “Stanno li da 35 anni. Nessuno ti ha dato un mandato eterno. Te ne vai. E’ vivono perché prendono 1 miliardo di euro come rimborsi elettorali. Togli i soldi e la politica diventa meravigliosa. Se non i soldi sono la politica. E’ semplice”.

Il blogger ha menzionato anche il debito pubblico. Grillo ha dichiarato “Signori siamo un paese fallito. Bisogna che qualcuno ve lo dica. Siamo a quasi 1.900 miliardi di euro di debito. Paghiamo 100 miliardi di interessi all’anno. 30 aziende al giorno chiedono istanza di fallimento. Sono 12 mila all’anno”.

Grillo ha concluso il suo intervento con il suo “piano”. Il comico genovese propone la riduzione dei parlamentari da 1000 a 500 e la riduzione degli stipendi di deputati e senatori, referendum senza quorum, obbligo della copertura per qualsiasi iniziativa legislativa anche a livello  locale e eliminazione delle province(costano 14 miliardi di euro all’anno).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Regione Campania non approva convenzione. Navigator senza lavoro

Cgia: Consumi famiglie tagliati di 21,5 miliardi

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino