Grillo: I nuclearisti sono dei morti

Beppe GrilloNella puntata di “AnnoZero” di ieri(17 marzo) si è discusso dell’emergenza nucleare, della giustizia e del problema immigrati. Nell’anteprima del programma è stato mandato in onda una sorte di cartone animato in cui si sente una voce che legge la lettera scritta ai quotidiani da Adriano Celentano.

Il clou del programma arriva quando viene “lanciata” l’intervista di Francesca Fagnani a Beppe Grillo. Come al solito, il comico genovese riesce sempre ad essere pungente. Il blogger definisce “morti” i nuclearisti. Grillo inizia il monologo dicendo “Quelli li che stanno parlando in televisione non è l’Italia. Sono dei morti. Noi da vivi nel 1987 avevano detto di no. I morti continuano a parlare. Sento dei discorsi di questa gente, dei morti, che sono i Veronesi, che sono i Fini, i Casini. Questa Prestigiacomo é l’unico ministro dell’ambiente al mondo che sta parlando a favore del nucleare”.

Dopo questa introduzione, Grillo spiega il motivo del ritorno al nucleare dell’Italia. Il blogger dice “Fare soldi. Vogliono fare 5 centrali nucleari con la tecnologia francese, perché la Francia ha 511 miliardi di euro del nostro debito. Noi li abbiamo venduto il debito. Sai benissimo che quando vendi il debito ad una persona, questa persona diventa padrone della tua vita. Noi abbiamo svenduto sovranità popolare attraverso il debito. 511 miliardi di debito in cambio delle centrali nucleari”.

Grillo invita la gente a votare “SI” al referendum del 12 e 13 giugno. Il comico genovese dice “E’ l’intelligenza l’energia del futuro. Voi avete il dovere di scendere in piazza a protestare, siamo in guerra, vogliono mettere il nucleare sempre a questi qui, ai Ligresti, ai Caltagirone, sono sempre gli stessi. Le centrali di terza generazione non esistono, questo nucleare è solo cemento a debito, noi scambiamo la nostra salute per un debito. Siamo gli unici al mondo insieme alla Turchia che vogliono costruire le centrali nucleari. Questi politici qui sono malati di mente, non sanno di cosa parlano”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018

La caduta del muro di Berlino