Il reattore di Fukushima è a rischio fusione

L'esplosione nella centrale di FukushimaNon si attenua l’emergenza nucleare in Giappone. Oggi(14 marzo), ci sono state due nuove esplosioni nella centrale di Fukushima. Ad esplodere è stato l’idrogeno formatosi nella parte alta dell’edificio del reattore numero 3. Nell’esplosione sono rimasti feriti 11 tecnici.

Le barre di combustibile nucleare nel reattore numero 2 della centrale di Fukushima sono rimaste in gran parte esposte a causa di un guasto nell’impianto di raffreddamento. I tecnici hanno ripreso a pompare acqua di mare nel tentativo di far calare la temperatura all’interno del reattore. A questo punto, il rischio di fusione delle barre di combustibile non può essere escluso.

Gli elicotteri che volano a 60 miglia dalla centrale hanno riscontrato piccole quantità di particelle radioattive. Si presume che includano cesio-137 e iodio-121. La notizia è stata riferita dai funzionari del Pentagono. Ieri, la Francia aveva consigliato ai cittadini d’allontanarsi per qualche giorno se non hanno una ragione particolare per restare a Tokyo. Ricordiamo che la città giapponese dista 250 chilometri dalla centrale nucleare di Fukushima.

L’equipaggio della portaerei Usa, Ronald Reagan, è stato esposto alle radiazioni e ha ricevuto in un’ora i valori di solito assorbiti in un mese. Per questo motivo al flotta americana è stato fatta allontanare dalla costa giapponese. Nonostante le parole rassicuranti dei “nuclearisti” italiani la situazione è più grave del previsto.

Intanto aumenta il bilancio delle vittime del terremoto e dello tsunami. L’agenzia stampa “Kyodo” ha riferito che altri 2 mila corpi sono stati rinvenuti sulle coste della prefettura di Miyagi, che ha subito l’impatto peggiore dello tsunami. Il bilancio ufficiale è di 5 mila morti, ma secondo la TV Nhk potrebbero essere più di 10.000 le vittime.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli