La Bocconi dà ragione alla Santanchè

Daniela SantanchèL’altro ieri(22 marzo), il settimanale “Oggi” affermava che la Santanchè non avrebbe conseguito il master in direzione aziendale alla SDA Bocconi come scritto nel curriculum. La questione è risolta. Ieri, la Bocconi ha fatto una rettifica sul “caso”.

Dalla nota rilasciata dall’ufficio stampa dell’università si legge “A rettifica di quanto apparso sui messi di informazioni l’onorevole Daniela Santanchè ha frequentato il corso di formazione imprenditoriale in aula e su progetto della Sda Bocconi ‘Gemini - Progetto Nuove Imprese’ tra il 1992 e il 1993”.

Dopo la rettifica fatta dalla Bocconi, l’ufficio stampa del sottosegretario all’Attuazione del programma ha diramato una nota in cui annunciano querele per il settimanale “Oggi” e per “Il Fatto Quotidiano”. Nel comunicato si legge “Daniela Santanchè ha dato mandato ai suoi legali di aprire una causa civile contro il settimanale ‘Oggi’ e il quotidiano ‘Il Fatto’ che con un’informazione falsa e incompleta hanno arrecato grave danno alla sua dignità e alla sua credibilità”.

Commenti

  1. E come poteva essere differente? Non sono forse i soldi di Berlusconi che la Bocconi incamera? Chi ha i soldi i ragazzi non li manda alla Bocconi, ma nelle migliori università inglesi o americane, ora alla Bocconi ci vanno tutti cani e porci

    RispondiElimina
  2. Mettendo da parte il caso Santanchè, penso che le università italiane servono a poco o nulla. Sono fatte male. Hai ragione, chi ha le possibilità va a studiare all'Estero.

    RispondiElimina
  3. La questione non è per nulla risolta.O meglio:è risolta confermando che sul suo curriculum la Santanchè ha scritto il falso.
    L'onorevole vaiassa infatti ha seguito un corso per un totale di 24 giorni di lezione,ma di certo non è un MASTER.Per "master" si intende un corso che preveda il sostenimento di un esame e il rilascio di un attestato accademico valevole ai sensi della legge,così come specificato dall’articolo 3 del decreto MURST 509/1999 e dal decreto MIUR 270/2004, e attivati secondo le modalità di cui all’articolo 1, comma 15, della legge n.4 del 14 gennaio 1999.Il corso seguito dalla Santanchè non prevedeva esami e nemmeno il rilascio di attestati accademici,e la stessa Bocconi non annovera questo corso tra i "master".Di sicuro la Santanchè non conosce nemmeno la differenza tra un corso formativo e un master,infatti dichiarava di avere ricevuto un attestato e che forse l'aveva perso in uno dei suoi traslochi,ma in realtà non ha proprio un cazzo perchè quel certificato è solo carta straccia da incorniciare ed appendere nel salone di casa per far bella figura quando vengono gli ospiti ignoranti.Intanto se io cerco lavoro e sono laureato con 110 e lode,oggi mi chiedono quanti master certificati io abbia conseguito e se non ce l'ho non vengo assunto,invece la Santanchè può vantare nel suo curriculum il "master" ed il sito del governo non rettifica nemmeno le sue credenziali.Per la cronaca:un "master" vero è abilitativo a determinate funzioni,costa molto di più di un banale corso formativo e dura parecchi giorni di più.La Santanchè è la classica borghese media del cazzo che crede di quiparare la sua preparazione con quella di gente seria.Insomma tutto falso,la Santanchè il master non ce l'ha.Ma intanto il sito del governo non rettifica...

    RispondiElimina
  4. Master o non master la Santanchè non è una politicante(?) di livello. La sua presenza è superflua. Basta guardare ciò che dice quando è ospite nelle varie trasmissioni. Questo è il punto. Il tutto discorso è bello e giusto, ma al giorno d'oggi il cosiddetto "pezzo di carta" serve a poco o nulla se non hai conoscenza. Riguardo al cv della Santanchè, di che ti sorprendi? L'Italia non è forse il paese in cui viene nominato ministro uno indagato per associazione mafiosa?

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Legambiente: 148 eventi estremi nel 2018