La Germania dice addio all’energia nucleare

L'impianto di Kruemmel

Il disastro nella centrale nucleare di Fukushima sta facendo cambiare politica energetica a molti paesi. Il governo italiano è uno dei pochi che punta ancora sull’energia nucleare. Il referendum del 12 e 13 giugno servirà per porre fine all’ennesimo business per gli “amici degli amici”.

La Germania è uno dei paesi più nuclearizzati d’Europa. A differenza degli altri paesi, i tedeschi hanno puntato molto anche sulle energie rinnovabili. Questo consentirà di uscire senza conseguenze dalla produzione dell’energia nucleare. E’ ufficiale. La Germania fermerà il suo ultimo reattore nucleare nel 2022, diventando così la prima potenza industriale a rinunciare all’energia atomica.

L’annuncio è stato dato oggi(30 maggio) dal ministero dell’Ambiente Norbert Rottgen(CDU). La decisione è stata presa dopo una riunione tra i leader della coalizione e la cancelliera Angela Merkel. Otto dei 17 reattori tedeschi sono stati già fermati dopo la catastrofe a Fukushima e non saranno più attivati. I tre reattori più moderni verranno fermati entro il 2022.

Commenti

  1. Quando tutti stanno lasciando il nucleare i grandi statisti, economisti ed alto di questa pseudomaggioranza vacillante continuamente VOGLIONO il nucleare. Ci prendono per il culo oppure hanno altri interessi???????

    RispondiElimina
  2. Se si potesse scommettere alla Snai, punterei sulla seconda ipotesi...

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Regione Campania non approva convenzione. Navigator senza lavoro

Cgia: Consumi famiglie tagliati di 21,5 miliardi

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino