Caldoro indagato per epidemia colposa

Stefano CaldoroIeri(24 giugno), la procura di Napoli ha aperto un fascicolo sulla nuova emergenza rifiuti che ha colpito la città, ipotizzando il reato di epidemia colposa. Questa sera è uscito fuori il nome di uno degli indagati.

L’Ansa riporta che il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, sarebbe indagato nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Napoli sui rischi per la salute pubblica determinati dalla mancata raccolta dei rifiuti. Il governatore della Campania verrebbe accusato di non essersi attivato per aprire nuove discariche in altre province campane per fronteggiare l’emergenza napoletana.

Caldoro si dichiara pronto alle dimissioni “eventualmente fossero provate responsabilità penali per fatti commessi inconsapevolmente” ed esprime la convinzione di “aver fatto fino in fondo il proprio dovere”. A questo punto è ipotizzabile che tra gli indagati ci siano anche il presidente della Provincia, Luigi Cesaro, e l’ex sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino. Ne sapremo di più nelle prossime ore.

Commenti

  1. Il combinato disposto degli artt. 438 e 452 del Codice Penale rappresenta un delitto piuttosto grave...

    RispondiElimina
  2. Chi lo sa come andrà a finire. Caldoro ha detto che si dimette se vengono accertate delle responsabilità. Credo che però passeranno degli anni...

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Legambiente: 148 eventi estremi nel 2018

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Tari costa in media 300 euro