Google sfida Facebook

Google PlusIl successo del social network Facebook sta spingendo molti colossi a “buttarsi” in questo campo.  Il 30 settembre 2009 Google ha lanciato il servizio “Google Wave”. Qualche mese più tardi il colosso di Mountain View presentò “Google Buzz”, uno strumento di social network e microblogging implementato nel servizio di posta elettronica via web Gmail. Entrambi i servizi non hanno contrastato più di tanto Facebook.

Google però non si è fermata. Il colosso di Mountain View ha sviluppato un nuovo social network, “Google Plus”(o Google+). Al momento il servizio Google+ è riservato ad un numero limitato di utenti, che presto saranno abilitati ad invitare altre persone per condividere informazioni, fotografie e link. Una delle differenze tra Google+ e Facebook è la dimensione dei gruppi.

Questa volta Google sembra aver fatto centro. Il motivo? Il social network si baserà sul motore di ricerca più usato al mondo. Google è la pagina iniziale dell’80% dei navigatori. Tra qualche settimana nelle ricerche fatte su Google comparirà il pulsante “+1” accanto ai link mostrati. Le persone che hanno un profilo su Google potranno condividere il link cliccando sul pulsante.

La grande novità del social network di Google Plus sarà la gestione dei contatti. Gli amici saranno organizzati a discrezione dell’utente in gruppi chiamati “Circles” e l’intensità del rapporto e la condivisione dei contenuti determineranno i criteri di importanza e la cerchia alla quale il contatto deve appartenere. Un’alternativa più personalizzata di Facebook, semplice da usare e che non obbliga a trincerarsi dietro complesse impostazioni di privacy.

Commenti

  1. Google+ avrà un testimonial d'eccezione...
    http://notiziedelfuturo.blogspot.com/2011/06/google-plus-ultra.html

    RispondiElimina
  2. Il Papa vuole "acquisire" nuovi fedeli attraverso i social network...

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Legambiente: 148 eventi estremi nel 2018

Tari costa in media 300 euro

L’amministrazione del degrado di De Magistris