Greenpeace: Sono tossici gli abiti sportivi di brand internazionali

Panni Sporchi 2Oggi(23 agosto), Greenpeace ha pubblicato sul proprio sito i risultati dei test sugli abiti sportivi. La ricerca rivela che abiti e scarpe vendute a livello globale dalle più grandi marche sportive sono fabbricati impiegando sostanze pericolose durante una o più fasi del processo produttivo.

La ricerca è stata effettuata su 78 articoli di abbigliamento e scarpe sportive acquistati fra aprile e maggio 2011 nei principali store e negozi multi marche autorizzati presenti in 18 differenti paesi in tutto il mondo, Italia compresa. 52 prodotti appartenenti a 14 marche sono risultati positivi al test sui nonilfenoli etossilati(NPE). Questi composti, usati anche nell’industria tessile, una volta rilasciati nell’ambiente si trasformano in una sostanza pericolosa, il nonilfenolo (NP). Il nonilfenolo è persistente perché non si degrada facilmente, bioaccumulante perché si accumula lungo la catena alimentare e può alterare il sistema ormonale dell’uomo anche a livelli molto bassi.

Gli articoli, fabbricati per lo più in paesi emergenti(Cina, Vietnam, Malesia e Filippine), appartengono a 15 importanti marche di abbigliamento sportivo fra cui Abercrombie & Fitch, Adidas, Calvin Klein, Converse, GAP, G-Star RAW, H&M, Kappa, Lacoste, Li Ning, Nike, Puma, Ralph Lauren, Uniqlo e Youngor. Fra i prodotti acquistati da Greenpeace ci sono per lo più t-shirt,  giacche, pantaloni, abbigliamento intimo e scarpe in tela costituiti di tessuto naturale o sintetico. Di seguito potete leggere i risultati dei test.

Brand Numero di capi testati Numero di capi positivi al test
Abercrombie & Fitch 3 3
Adidas 9 4
Calvin Klein 4 3
Converse 6 5
GAP 2 0
G-Star RAW 5 3
H&M 6 4
Kappa 5 4
Lacoste 4 1
Li Ning 4 4
Nike 10 5
Puma 9 7
Ralph Lauren 4 3
Uniqlo 4 3
Youngor 3 3
Totale 78 52

Allegato: Panni Sporchi 2

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Il business degli affidi