Il gioco delle tre carte del governo Berlusconi

Una scena del film "Febbre da Cavallo"Il 29 agosto 2011 c’è stata un’ammucchiata della maggioranza ad Arcore. I “pidiellini” e i “leghisti” hanno “sfornato” delle modifiche alla manovra correttiva. Ne è uscito fuori un papocchio senza precedenti. Bankitalie e Corte dei conti avvertono che le misure sono depressive.

Sul web si è scatenato un vero e proprio putiferio sulla norma che esclude servizio militare e riscatto della laurea dal calcolo dei versamenti previdenziali per la pensione. Per la Cgil è un golpe, anche la Uil si prepara allo sciopero e i medici dell’Anaao proclamano lo stato di agitazione contro una proposta definita “indecente”.

Ieri sera(30 agosto), è uscita fuori un’altra novità. Il contributo di solidarietà non è sparito. La “super tassa” verrà pagata dai parlamentari e dai dipendenti pubblici. Sono esclusi i dipendenti del settore privato. Ricordiamo che il provvedimento prevede un prelievo del 5% per la parte eccedente i redditi sopra i 90 mila euro e del 10% sulla parte eccedente i 150 mila euro.

Ma non finisce qui. La maggioranza e l’opposizione hanno presentato circa 1.300 emendamenti alla manovra bis in commissione Bilancio al Senato. I “leghisti” hanno presentato un emendamento che prevede un  contributo di solidarietà per tutti gli sportivi professionisti. La supertassa colpirebbe calciatori, allenatori, tecnici sportivi e preparatori atletici.

Non so voi, ma non ci sto capendo nulla. Sembra quasi che il governo Berlusconi stia facendo il gioco delle tre carte. Il problema è che le persone imbrogliate siamo noi. Loro(i politici) recitano la parte dei truffatori. Non vorrei che alla fine i cittadini italiani rimanessero esterefatti come Proietti, Montesano e De Rosa nel film “Febbre da Cavallo”(foto). Guardate il video(5:14) per capire.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Il business degli affidi