ISVAP: Polizze temporanee RC auto contraffatte di Yara

Comunicato ISVAP 10 agosto 2011Il 10 agosto 2011 l’ISVAP ha diramato un comunicato per segnalare la commercializzazione di polizze temporanee RC auto contraffatte. Le polizze in questione riportano la denominazione sociale di “YARA”. La compagnia ha sede legale in 58, Davies Street, Westminster, London W11K 5JF, United Kingdom.

L’autorità segnala che la suddetta denominazione sociale è del tutto simile a quella della società irlandese “Yara Insurance Limited”, con sede legale c/o Willis Management (Dublin) Ltd, Grand Mill Quay, Barrow Street, Dublin 4, che risulta abilitata ad operare in Italia in regime di libera prestazione di servizi in alcuni rami danni ma non nel ramo RC auto. L’ISVAP avverte che i contrassegni ed i certificati assicurativi contraffatti sono privi del numero di iscrizione nell’elenco annesso all’Albo delle imprese tenuto dall’autorità e dell’indicazione del Rappresentante per la gestione dei sinistri.

L’autorità richiama quindi l’attenzione degli utenti e di chi rilascia tali coperture assicurative che l’eventuale stipulazione di polizze RC auto riportanti la denominazione sociale di “YARA” comporta, per i contraenti, l’insussistenza della copertura assicurativa e, per coloro che le rilasciano, lo svolgimento di un’attività non consentita dalle vigenti disposizioni normative.

In generale, l’ISVAP raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese regolarmente autorizzate allo svolgimento dell’attività assicurativa. Chiarimenti ed informazioni in merito potranno essere richiesti presso la sede ISVAP(Via del Quirinale, 21 – 00187 Roma – tel. 06.42.133.1 – telefax 06.42.133.206) o acquisiti direttamente attraverso la consultazione dell’Albo delle imprese disponibile sul sito Internet www.isvap.it.

Allegato: Comunicato ISVAP del 10 agosto 2011

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Il business degli affidi