Lo sciopero dei calciatori serve per distrarre gli italiani?

Il gol di Maggio nella gara amichevole Napoli-PalermoOggi(28 agosto) doveva partire il campionato di Serie A 2011-2012. La prima giornata non verrà disputata a causa di uno sciopero dell’Associazione Italiana Calciatori. Ma c’è qualcosa che non quadra.

Di solito quando c’è uno sciopero la gente “normale” non lavora e va in piazza a manifestare. I calciatori, sempre più viziati, hanno scioperato giocando delle amichevoli. Ieri, sono scesi in campo i calciatori di Atalanta, Bologna, Cagliari, Cesena, Chievo, Inter, Napoli, Novara, Palermo, Parma e Siena. Vale a dire ben 11 squadre di Serie A. Mi chiedo, che senso ha questo sciopero? Inoltre, perché la Serie B ha giocato regolarmente?

Una strana idea mi frulla per la testa. Non vorrei che questo sciopero dei calciatori fosse stato studiato a tavolino per “distrarre” gli italiani. Pensateci bene. Fino a qualche giorno fa, nel “mirino” della gente erano finiti i politici con i loro privilegi. Ora, con la “storia” dello sciopero, nell’occhio del ciclone sono finiti i calciatori. Intanto, mentre la maggior parte dei tifosi condanna lo sciopero, la “casta” dei politici(da me ribattezzata COL) continua a mantenere i privilegi alla faccia degli italiani. Svegliamoci.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Il business degli affidi