Venti anni fa veniva ucciso Libero Grassi

Libero GrassiOggi(29 agosto), a Palermo è stato commemorato il ventesimo anniversario dell’omicidio dell’imprenditore tessile Libero Grassi. Ai più giovani questo nome dirà poco o nulla. Per questo motivo è giusto ricordare il coraggio di quest’uomo.

Libero Grassi è stato il primo imprenditore a denunciare pubblicamente il sistema delle estorsioni. Il 10 gennaio 1991 l’imprenditore scrisse una lettera su “Il Giornale di Sicilia” per informare i mafiosi che non avrebbe mai pagato il pizzo. L’11 aprile 1991 Libero Grassi denuncia il “fenomeno” delle estorsioni anche in un’intervistata rilasciata a Michele Santoro per il programma “Samarcanda”(video).

Il 29 agosto 1991, alle 7.36, fu ucciso dai sicari della mafia in via Alfieri a Palermo, nei pressi della sua abitazione. Questa mattina, sul luogo del delitto sono state deposte corone di fiori mentre i giovani di “Addio pizzo” hanno organizzato un raduno. Il 26 settembre 1991, Michele Santoro e Maurizio Costanzo dedicano una serata televisiva a reti unificate(Rai 3 e Canale 5) alla figura di Libero Grassi. In quell’occasione ci fu lo show di Salvatore Cuffaro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

CheBanca! con disservizi

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Perché si usa Facebook?

OIM: 641.398 migranti in Libia