Una colla sintetica per bloccare l’infezione dell’HIV

AIDSIl 1 dicembre del 1981 è stato diagnosticato il primo caso di AIDS. Da allora l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. A distanza di 30 anni la ricerca offre nuove speranze per sconfiggere il virus dell'HIV.

I ricercatori della “University of Utah” sono riusciti a realizzare in laboratorio un composto chimico che “intrappola” il virus HIV e blocca l’infezione. Si tratta di una classe di sostanze simili alle lectine, composti che si trovano in natura, derivati da alberi e piante, che si legano agli zuccheri. La ricerca è stata pubblicata su “Molecular Pharmaceutics”.

Le lectine naturali sono troppo costose da purificare. Per questo motivo i ricercatori hanno sviluppato dei polimeri di lectine sintetiche basati su un composto chiamato benzoboroxolo(BzB). Queste si attaccano al rivestimento di zucchero del virus dell’Aids e ne bloccano la replicazione, il meccanismo con cui l’HIV si moltiplica e infetta nuove cellule.

Patrick F. Kiser, coordinatore della ricerca, ha dichiarato “I polimeri sono così attivi contro l’Hiv che basta scioglierne circa il peso di un cubetto di zucchero nell’acqua di una vasca da bagno per inibire l’infezione”. Lo scorso luglio, alla “Sesta Conferenza internazionale sull’AIDS”, era stato annunciato un vaccino a base di anticorpi per sconfiggere l’HIV. Verrà mai debellato questo virus?

Commenti

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%