La Fiat consiglia di restare a casa ai tre reintegrati di Melfi

Sergio MarchionneLa Fiat sta facendo di tutto per farsi odiare. Ieri(23 febbraio), la Corte d’Appello di Potenza ha ordinato alla Fiat di reintegrare nello stabilimento di Melfi(Potenza) i tre operai licenziati nell’estate del 2010. Un film di Totò si intitola “La Legge è Legge”, ma per la Fiat la legge è solo un optional.

Lina Grosso, uno degli avvocati della Fiom, ha reso noto che la Fiat ha inviato un telegramma ai tre reintegrati. Nella missiva c’è scritto che l’azienda “non intende avvalersi delle prestazioni lavorative dei tre dipendenti”. Il legale Grosso ha dichiarato “Sarà fatto di tutto per riportare al lavoro i tre operai, anche agendo in sede penale, perché la Fiat come al solito non rispetta le sentenze”. Da quanto si apprende, i 3 operai percepiranno regolarmente gli stipendi.

Non capisco questa “ossessione” per il posto di lavoro. Ormai è chiaro. La Fiat ha preso di mira questi operai come fanno i boss con chi “sgarra”. A questo punto una domanda sorge spontanea. Perché i tre lavoratori non chiedono una buonuscita? 500 mila euro a testa e la Fiat risolve la questione. Svuotate un po’ le casse del Lingotto.

Commenti

  1. E poi si sono pure permessi di denunciare Formigli :S Una volta eravamo orgogliosi di questa azienda, ora da italiano, me ne vergogno

    RispondiElimina
  2. Quest'azienda non ha nulla di italiano ormai. I vertici hanno degli atteggiamenti da boss. Se fosse stato per me avrei cacciato a pedate il signor Marchionne. Il ritorno dello "schiavismo" lavorativo lo dobbiamo a lui.

    RispondiElimina

Posta un commento

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Regione Campania non approva convenzione. Navigator senza lavoro

Il caso ex Ilva di Taranto

De Magistris: Disponibile ad una candidatura in Campania

Cgia: Consumi famiglie tagliati di 21,5 miliardi

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli