UE: In Italia PIL in calo dell’1,30% nel 2012

Olli RehnA causa degli aumenti dei costi energetici e fiscali, l’inflazione dell’eurozona è a 2,1% e in Italia è al 2,9%, secondo le nuove stime di Bruxelles che danno una ripresa nel II° trimestre.

La commissione UE scrive “L’inattesa stagnazione della ripresa a fine 2011 si estenderà ai primi 6 mesi 2012 contraendo la crescita dello 0,3%”. L’economia italiana si stabilizzerà nella seconda metà dell’anno, se lo spread rimarrà stabile intorno ai 370 punti e se non ci sarà ulteriore deterioramento della situazione sui mercati finanziari. La commissione UE vede il PIL italiano calare dell’1,30% nel corso dell’anno. Per Bruxelles faranno peggio solo Portogallo e Grecia.

Il vice presidente della commissione UE, Olli Rehn, ha dichiarato “Le riforme attuate dall’Italia sono molto robuste e daranno i loro frutti nel semestre. La manovra correttiva presenta un impatto positivo permanente sui conti pubblici pari all’1,3% del PIL”. La correzione, sommando le manovre fatte dall’Italia dal maggio del 2010, ammonta a 100 miliardi di euro, pari al 7% del PIL. Rehn ha aggiunto “Siamo in continuo contatto con l’Italia per verificare che il bilancio italiano sia in linea con gli impegni presi”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli