Alfano: Faremo il primo movimento politico autofinanziato

Angelino Alfano annuncia una grossa novità: un movimento autofinanziato. Peccato che sia una copia del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo.

Angelino AlfanoIeri(21 aprile), Angelino Alfano è intervenuto ad Asti per un incontro elettorale. Il segretario del PDL ha fatto uno show degno del miglior Berlusconi. Il “pidiellino” ha annunciato una novità sensazionale.

Alfano ha dichiarato “Faremo il primo movimento politico del tutto autofinanziato, perché noi vivremo solo con il contributo volontario di chi vorrà finanziare la nostre idee, il nostro ideale politico, la nostra azione parlamentare”. Peccato che il movimentato autofinanziato l’abbia già fatto Beppe Grillo. Piuttosto, il “siciliano” dovrebbe dirci se il PDL prenderà la rata dei rimborsi elettorali di luglio.

Il “maggiordomo di Berlusconi” ha aggiunto: “Questa sarà la bussola e la rotta che ci daremo. Dopo le amministrative annunceremo una grandissima innovazione nella politica italiana, di cui non posso dire nulla di più di ciò che ho detto ieri. Dico solo che il nostro movimento sarà finanziato dagli iscritti, dai contribuenti privati, dai cittadini”. Alfano ha annunciato anche che non ci saranno più i vertici “ABC” con il premier Monti.

Il “pidiellino” ha detto “Meglio incontri bilaterali con Monti e lo stesso presidente del Consiglio dovrebbe comprenderlo”. Alfano pensa che l’attuale maggioranza non abbia un futuro e un presente. Il segretario del PDL ha dichiarato “Ha ragione Bersani. Questa maggioranza non ha un futuro e, tutto sommato, non ha neanche un presente. Non mi riferisco alle piacevoli e rispettabili persone che guidano gli altri partiti che sostengono il premier. Il fatto è che non c’è una solidarietà politica, ma solo un gesto di responsabilità che ha unito alcune forze politiche”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli