Dai Comuni arriva un IMU bis?

Potrebbe esserci una nuova stangata sulla casa oltre all'Imu già entrata in vigore. Un emendamento al decreto fiscale dà infatti ai Comuni la possibilità di adottare, con le nuove norme sulla semplificazione, una nuova disciplina della tassa di scopo, una Imu-bis, avendo la stessa base imponibile e di calcolo.

CasaNon c’è pace per i proprietari di case. Dopo l’introduzione dell’IMU con il Federalismo Fiscale “leghista”, i contribuenti potrebbero avere una nuova stangata dai Comuni.

Un emendamento al decreto fiscale dà infatti ai Comuni la possibilità di adottare, con le nuove norme sulla semplificazione, una nuova disciplina della tassa di scopo, una IMU-bis, avendo la stessa base imponibile e di calcolo. Lo rende noto il quotidiano “La Repubblica”. I sindaci potrebbero adoperare la vecchia tassa di scopo, rivisitata con un emendamento approvato nei giorni scorsi.

Si tratta di una vera e propria Imu-bis avendo la stessa base imponibile e di calcolo. La tassa può essere applicata fino a 10 anni, finanzierà il 100% delle opere ed è estesa anche alle prime case. Ai Comuni la facoltà di scegliere l’aliquota, i tempi di imposizione e il regolamento che disciplina l’imposta.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Legambiente: 148 eventi estremi nel 2018

Tari costa in media 300 euro

L’amministrazione del degrado di De Magistris