SWG: Il Movimento 5 Stelle all’8%

Il Movimento 5 Stelle è all'8%. Lo rivela un sondaggio condotto da SWG. Una "grillina" definisce “marcia” l’attuale classe politica.

Intenzioni di voto partiti in ParlamentoQuesta mattina(27 aprile) ad “Agorà” è stato riproposto nuovamente il sondaggio SWG sulle intenzioni di voto degli italiani. La graduatoria dei partiti in Parlamento è guidata sempre dal PD con il 26,8%. Il partito guidato da Bersani ha guadagnato lo 0,6% rispetto alla scorsa settimana. Secondo il sondaggista Weber, il PD guadagna voti perché è rimasto “fermo”, cioè non ha detto molto. Il PDL perde l’1% e scende a  24,3 punti percentuali. Continua il crollo della Lega. Il partito di Bossi perde lo 0,5%, passando dal 6,9% al 6,4%.

Intenzioni di voto partiti fuori dal ParlamentoNell’altra schermata(quella dei partiti fuori dal Parlamento) primeggia ancora una volta il Movimento 5 Stelle con l’8%. Il partito di Beppe Grillo ha guadagnato lo 0,7% rispetto alla scorsa settimana. Il M5S si conferma terzo partito italiano. Guadagnano anche SEL(+0,2%) e Federazione Sinistra(+0,3%). Gli indecisi sono al 24,0%(-4,6%), mentre gli astenuti scendono al 18,0(-3,6%). Il partito del non voto(indecisi+astenuti) arriva al 42,0%(-50,2%).

Flussi di voto verso il Movimento 5 StelleMa torniamo al Movimento 5 Stelle. Questa volta viene mostrato anche il cartello sui flussi di voto verso il partito di Grillo. Esce fuori un dato sorprendente: i “grillini” prendono voti in modo trasversale. Il M5S “ruba” l’elettorato all’IDV(16,4%), alla Lega(9,7%), all’UDC(5,6%), al PD(5,2%) e perfino al PDL(4,4%). Ma perché la gente aderisce al M5S? Ce lo spiega una spettatrice presente ad “Agorà”. La donna definisce “marcia” l’attuale classe politica.

A questo punto sale in cattedra la deputata Barbara Saltamartini(PDL). La “pidiellina” dichiara: “Io non mi sento marcia. Mi dispiace per la signora. Non mi sento colpevole di 50 anni di governi che hanno indebitato il Barbara Saltamartinimio Stato, perché non c’ero. Io vengo da ‘Alleanza Nazionale’. Il mio partito è arrivato al governo nel 2001. Non sono figlia di un certo partito della spesa”.

A questo punto sorge spontanea una domanda. Il partito della Saltamartini non c’entra con l’incremento del debito? La risposta è SI. Dal 2000 ad oggi il debito pubblico italiano è cresciuto di 600 miliardi di euro. AN è stata al governo dal 2001 al 2006 e dal 2008 al 2010. Altro che “santarella”. Alla fine la Saltamartini è solo una bella gnocca e nulla più. Finitela di prendere in giro gli italiani.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Regione Campania non approva convenzione. Navigator senza lavoro

Cgia: Consumi famiglie tagliati di 21,5 miliardi

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino