Salva i dati in uno spazio Cloud

Da alcuni mesi si stanno diffondendo i servizi Cloud. Cosa sono?

CloudIeri(15 agosto) è stato Ferragosto. La maggior parte dei vacanzieri ha fatto delle foto o dei video per ricordarsi questa festività. Può capitare che la scheda SD sia quasi esaurita. Nella stragrande maggioranza dei casi la prima scelta sarà quella di spostare foto e video sul proprio portatile per liberare spazio. Che fare se non si ha un notebook con se?

La soluzione più semplice è acquistare un’altra scheda di memoria, ma c’è un altro rimedio. La risposta ai comuni problemi di spazio la si può ritrovare nei servizi di archiviazione Cloud. Cosa sono? Uno spazio Cloud non è altro che un Hard Disk remoto, piccolo o grande a seconda delle esigenze, localizzato anche a migliaia di chilometri di distanza e accessibile da ogni parte del mondo. Per accedervi basta una connessione ad internet e un dispositivo in grado di sfruttare questa connessione per recuperare i dati salvati sulla nostra porzione di “nuvola”.

Fino ad alcuni mesi fa c’era solo l’interfaccia web(PaaS, Platform as a Service) per accedere al proprio Cloud. Microsoft, Google e Apple hanno sviluppato applicazioni(SaaS, Software as a Service) appositamente pensate per rendere estremamente semplice la condivisione dei contenuti. Una volta scaricato il software progettato dal fornitore del servizio, attraverso dei semplici passaggi, questo sarà in grado di sincronizzarsi con il nostro dispositivo(PC, Mac, smartphone o tablet).

Il mercato dei servizi Cloud è quanto mai vivace e ormai tutti i big nel settore sono scesi in campo con la loro offerta personalizzata di spazio sulla “nuvola”. Quasi tutti i servizi offrono uno spazio gratuito di 5 GB, e chi ne offre di meno consente di aumentarlo mediante il sistema dei referral, ovvero facendo conoscere il servizio ad amici e parenti che ci regaleranno spazio extra creando un account e iniziando a usare il servizio da noi “sponsorizzato”. Quale scegliere? Beh, questa è una risposta difficile. Se avete uno smartphone potrebbe essere utile usare il servizio Cloud dell’azienda che ha prodotto il sistema operativo(Android, iOS e Windows Phone).

Servizio Cloud Produttore Spazio
Google Drive Google 5 GB
iCloud Apple 5 GB
Skydrive Microsoft 7 GB

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Cgia: Consumi famiglie tagliati di 21,5 miliardi

La caduta del muro di Berlino

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

Voragine in via Masoni