Monti: Il Sistema Sanitario Nazionale è a rischio

"Non è garantita la sostenibilità del sistema sanitario". Lo ha detto Mario Monti. Il premier vuole risolvere il "problema" lanciato dal FMI lo scorso aprile?

Il "vecchio" Mario MontiLa politica del terrore continua la sua azione per impaurire gli ingenui italiani. Oggi(27 novembre) Mario Monti ha fatto un annuncio choc sulla Sanità dell’Italia.

Il premier ha detto “Il nostro Sistema Sanitario Nazionale, di cui andiamo fieri, potrebbe non essere garantito se non si individuano nuove modalità di finanziamento”. Il tirapiedi della Troika(BCE, FMI e UE) ha aggiunto “L’Italia ha dovuto concentrare tantissime energie per rivedere la luce dopo una fase nella quale ha rischiato di essere travolta dall’emergenza finanziaria. La crisi ha colpito tutti e impartito lezioni a tutti”.

La crisi ha colpito tutti? A me non risulta che siano state tagliate le pensioni d’oro. Il signor Monti deve smetterla di prendere in giro gli italiani. Non fatevi plagiare da questo tizio venuto dalla Bocconi. L’Italia sarà sempre in crisi perché l’UE è soggetta al mercato finanziario e alla banche. Tutto il resto è inutile se non capiamo questo. L’eventuale privatizzazione della Sanità sarebbe un altro regalo alle assicurazioni e una mazzata per il ceto medio-basso.

Forse Monti vuole risolvere il problema menzionato dal Fondo Monetario Internazionale l’11 aprile 2012. Quel giorno l’FMI disse: “Le aspettative di vita si allungano, ma le implicazioni finanziarie del vivere di più sono ampie: se nel 2050 la vita media si allungherà di 3 anni rispetto alle attese attuali, i costi già ampi dell’invecchiamento della popolazione aumenteranno del 50%”. Togliere i medicinali gratuiti ai vecchi e ai poveri è il modo migliore per ridurre la popolazione. Vero Monti?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Inaugurata l’area nord di piazza Garibaldi

Intesa Sanpaolo non funziona

Il salvataggio di Alitalia

CheBanca! con problemi tecnici

Unicredit taglia 8 mila posti di lavoro

Istat: Lettori di libri stabili in Italia