I saldi 2013 iniziano il 2 gennaio a Palermo e Napoli

I saldi invernali partiranno il 2 gennaio 2013 a Palermo e Napoli. L'ONF prevede un calo di vendite dell'18,8% rispetto al 2012. Guarda il calendario.

I saldi invernali 2013 inizieranno il 2 gennaioI saldi invernali partiranno il 2 gennaio 2013 a Palermo e Napoli. Nelle altre principali città italiane inizieranno il 5 gennaio 2013. Molti negozianti sperano di fare cassa, ma le previsioni sono pessime. Le famiglie spenderanno in media solo 219 euro. La stima è dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori(ONF).

Per i saldi si spenderà il 18,8% in meno rispetto alla stagione 2012, quando si era già registrata una contrazione del 19,9%. Secondo l’indagine dell’ONF, diminuisce anche il numero di famiglie che si dichiarano propense ad acquistare a saldo: saranno il 36%-37%, pari a 8,9 milioni per un totale di spesa di 1,95 miliardi di euro. Ecco il calendario completo dei saldi 2013, regione per regione, stilato dalla Confesercenti:

Regione Inizio Fine
Abruzzo 5 gennaio 5 marzo
Basilicata 2 gennaio 3 marzo
Calabria 5 gennaio 28 febbraio
Campania 2 gennaio 31 marzo
Emilia Romagna 5 gennaio 6 marzo
Friuli Venezia Giulia 5 gennaio 6 marzo
Lazio 5 gennaio 16 febbraio
Liguria 5 gennaio 19 febbraio
Lombardia 5 gennaio 6 marzo
Marche 5 gennaio 1 marzo
Molise 5 gennaio 6 marzo
Piemonte 5 gennaio 22 febbraio
Puglia 5 gennaio 28 febbraio
Sardegna 5 gennaio 6 marzo
Sicilia 2 gennaio 15 marzo
Toscana 5 gennaio 6 marzo
Umbria 5 gennaio 6 marzo
Valle d’Aosta 3 gennaio 31 marzo
Veneto 5 gennaio 28 febbraio

In Provincia di Bolzano i saldi inizieranno il 5 gennaio e termineranno il 16 febbraio, mentre in Provincia di Trento i commercianti determinano liberamente i periodi in cui effettuare i saldi nella durata di 60 giorni.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%