L’antitrust sanziona Ryanair

Ryanair multata dall'Antitrust. Il prezzo dei biglietti aerei alla fine della prenotazione è maggiorato rispetto all'inizio, per colpa del pagamento via carta.

RyanairMulta da 400 mila euro dell’Antitrust alla compagnia aerea Ryanair per mancata trasparenza sul prezzo dei biglietti, cioè per reiterata inottemperanza a una delibera dell’Autorità che riguarda l’indicazione sul prezzo effettivo. Il prezzo dei biglietti per il trasporto aereo deve essere chiaramente e integralmente indicato, sin dal primo contatto con il consumatore, in modo da rendere immediatamente percepibile l’esborso finale.

Nel bollettino settimanale numero 15 del 2013, l’AGCM scrive: “L’Autorità ha accertato la scorrettezza di 5 pratiche commerciali poste in essere dal vettore aereo irlandese Ryanair tra le quali quella descritta alla precedente lettera B) consistente nello scorporo di alcuni elementi di costo rientranti nel prezzo dei biglietti aerei, a volte qualificati anche come ‘oneri facoltativi’, che venivano normalmente separati dal prezzo delle tariffe pubblicizzato ed addebitati ai consumatori nel corso del processo di booking o al termine dello stesso processo di prenotazione al momento del pagamento con carta di credito(la tariffa amministrativa). Tali elementi di costo, aggiungendosi ed incrementando considerevolmente la tariffa inizialmente proposta, erano in grado di falsare in maniera apprezzabile la scelta del consumatore in relazione al costo effettivo del servizio, non osservando quel principio secondo il quale il prezzo dei biglietti per il trasporto aereo deve essere chiaramente ed integralmente indicato, sin dal primo contatto con il consumatore, in modo da rendere immediatamente e chiaramente percepibile l’esborso finale”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

Istat: Economia sommersa vale 192 miliardi

Il lago di munnezza a Scampia

L’ex Villa Russo è diventata una discarica

27 famiglie abbandonate dal Comune di Napoli

Scampia sommersa dai rifiuti