Editoria: Sequestro beni agli Angelucci

La vicenda è relativa a contributi per l’editoria illecitamente percepiti per i quotidiani “Libero” e “Il Riformista”.

Angelo AngelucciSequestro di beni per un valore di circa 20 milioni di euro riconducibili alla famiglia Angelucci. Il provvedimento è stato firmato dal gip di Roma su richiesta della procura della Repubblica.

La vicenda è relativa a contributi per l’editoria illecitamente percepiti per i quotidiani “Libero” e “Il Riformista”. Il deputato del PDL Antonio Angelucci è indagato. I reati ipotizzati nei suoi confronti sono falso e truffa aggravata. I contributi pubblici sarebbero stati percepiti indebitamente nel 2006 e 2007.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Inaugurata l’area nord di piazza Garibaldi

Intesa Sanpaolo non funziona

Il salvataggio di Alitalia

CheBanca! con problemi tecnici

Unicredit taglia 8 mila posti di lavoro

Istat: Lettori di libri stabili in Italia